Jovanotti parla della relazione tra musica, povertà ed ecosistema

Jovanotti parla della relazione tra musica, povertà ed ecosistema
Jovanotti è l'autore di una lettera pubblicata oggi (lunedì 21 aprile) su La Repubblica.
Lo stesso testo verrà recitato dal cantante in un monologo che sarà trasmesso domani su Sky Cinema Mania in occasione dell’"Earth Day".
I temi trattati dall’artista sono quelli della povertà e della salvaguardia del pianeta in relazione con la musica.
“Io vengo dal rap”, scrive Jovanotti, “la musica più urbana che c’è. Però, a maggior ragione, nascendo dalle città il rap ha una grande ansia, un forte anelito verso il corpo, verso comunque l’essere naturale”, secondo Lorenzo è questo il motivo che spinge gli artisti dediti a questo genere a “cercare una natura dentro di sé”.
La musica ha la capacità di immaginare un mondo perfetto, e “un artista come Bono ha visto quell’energia e quel momento di utopia sospesa tante volte”, scrive Jovanotti, “tutto questo fa sì che lui porti tutto questo bagaglio e lo faccia diventare politica. Da lì il passo è breve per capire che tutto è collegato: la povertà di gran parte di questo pianeta ha a che fare con la distruzione sistematica degli ecosistemi”.
Lorenzo cita anche Jack Johnson, che ha prodotto il suo album avvalendosi dell’energia solare, e di un suo progetto avviato in collaborazione con Enel: “Ho chiesto di fare un lavoro per l’emissione zero di anidride carbonica durante la mia tournée”.
Infine, l’artista ha concluso con un desiderio: “Dobbiamo andare verso un futuro in cui non c’è più l’Earth Day, ma tutti i giorni è Earth Day”.
Dall'archivio di Rockol - Jovanotti presenta il singolo "Prima che diventi giorno"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.