Secondary ticketing: in Inghilterra presto un codice di autoregolamentazione

Secondary ticketing: in Inghilterra presto un codice di autoregolamentazione
Preso atto dei risultati di un'indagine condotta da una commissione parlamentare, il governo inglese si attiva per rispondere alle distorsioni del “secondary ticketing”, la compravendita speculativa di biglietti di concerti on-line (vedi News): non però intervenendo di autorità sulla questione, ma promuovendo la formulazione di un codice di autoregolamentazione a tutela dei consumatori da parte degli operatori del settore. Ci lavoreranno i membri della Star, società che raccoglie promoter, agenzie e rivendite di biglietti, in collaborazione con esponenti dell’esecutivo, che sul tema ha riferito ieri (lunedì 21 aprile) in Parlamento.
Tra i principi guida del documento dovrebbero figurare la fissazione di limiti precisi al numero di biglietti acquistabili da una sola persona, regole chiare e trasparenti sui rimborsi, l’introduzione di sistemi più efficienti di distribuzione e allocazione dei tagliandi e clausole contrattuali generalmente più eque a tutela del pubblico pagante. Il documento, a quanto pare, dovrebbe anche includere il divieto assoluto di rivendita per certi eventi speciali sul modello del Live 8 o del Live Earth.
"I fan sono la linfa vitale della nostra cultura sportiva e di intrattenimento" ha spiegato attraverso un comunicato stampa il ministro inglese della cultura Andy Burnham, "e i giovani appassionati desiderosi di assistere a questi eventi spesso sono i più sfruttati (...) Organizzatori e promoter devono darsi da fare per garantire che possano procurarsi i biglietti a un prezzo equo".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.