Fine di un'era: Sony BMG mette da parte Clive Davis, il 'music man'

Fine di un'era: Sony BMG mette da parte Clive Davis, il 'music man'
Clive Davis, leggendario discografico e “music man” americano fino a poche ore fa responsabile mondiale del gruppo di etichette raccolte sotto l’ombrello di BMG, ha 76 anni suonati. Forse per questo, più che per presunti demeriti (la sua ultima pupilla è una certa Leona Lewis, chartbuster da una parte e l’altra dell’Atlantico), Sony BMG ha deciso di toglierlo dal campo di battaglia ritagliandogli un ruolo non esecutivo di “principale responsabile creativo” dell’azienda (in questa veste dovrebbe continuare a dire la sua sulla carriera delle superstar di famiglia). D’altra parte la sua sostituzione con Barry Weiss, ex presidente Zomba e luogotenente di Clive Calder, rientra in un rimescolamento generale dei vertici aziendali deciso dal ceo tedesco Rolf Schmidt-Holtz che ha sorprendentemente per vittima principale, accanto al chief operating di Sony BMG Tim Bowen, proprio il braccio destro di Davis, Charles Goldstuck. I motivi sono difficili da decifrare: anche se al New York Post una fonte anonima ha riferito che “Schmidt-Holtz non vedeva molta azione da parte di quelle persone, mentre aveva sott’occhio i loro stipendi molto elevati” (pare Davis da solo guadagnasse 10 milioni di dollari all’anno). A Weiss faranno capo d’ora in poi tutte le etichette del gruppo: RCA Records, Jive, J Records, LaFace, Arista, Volcano, Verity, GospoCentric e Fo Yo Soul, mentre a Richard Sanders, già responsabile del marketing globale, viene assegnato anche il comando della divisione internazionale della corporation da cui dipende anche la filiale italiana.
Davis è nel music business dagli anni ’60: alla Columbia Records, di cui diventò presidente nel 1967, portò artisti come Janis Joplin, Bruce Springsteen, Billy Joel, Chicago e Santana; nel 1974 se ne andò per fondare la Arista, con cui lanciò Whitney Houston e mise sotto contratto, tra gli altri, Patti Smith, Annie Lennox, Dionne Warwick, Toni Braxton e i Kinks; nel 2000, dopo un brusco divorzio da BMG (che poi, proprio sotto il nuovo management di Schmidt-Holtz, pagò a peso d'oro il suo rientro) creò un’altra etichetta, J Records, scoprendo Alicia Keys e rivitalizzando la carriera di Carlos Santana con l’album “Supernatural”. Da quel momento ha cominciato a lavorare a stretto contatto anche con i talent show televisivi, ingaggiando gli artisti emersi in trasmissioni come American Idol e X Factor (Leona Lewis, appunto).
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.