Offerte troppo basse, Chrysalis non è più in vendita

Offerte troppo basse, Chrysalis non è più in vendita
Chiamando in causa le condizioni generali dell’economia e quelle del mercato creditizio, Chris Wright e il suo staff hanno interrotto le trattative per la vendita del gruppo Chrysalis, detentore di uno dei maggiori cataloghi editoriali indipendenti a livello mondiale (da David Bowie e Blondie a OutKast e Gnarls Barkley) oltre che di una etichetta discografica per cui incidono gruppi come Feeder e Morcheeba. La decisione, presa all’unanimità dal consiglio di amministrazione su invito dei consulenti e dei maggiori azionisti, lascia al palo i pretendenti rimasti in corsa come il gruppo francese Lagardère e quello inglese EMI/Terra Firma: quest’ultimo, in particolare, veniva dato per favorito dopo aver messo sul piatto un’offerta da 104 milioni di sterline, 155 pence per azione, che Chrysalis non ritiene tuttavia adeguata al reale valore di mercato della società (il suo obiettivo era di incassare 175 milioni di sterline).
I programmi immediati di Chrysalis prevedono una ristrutturazione del core business delle edizioni musicali attraverso una riduzione dei costi – lo stesso Wright, assumendo un ruolo di presidente esecutivo part time si autoridurrà lo stipendio – e un miglioramento dell’efficienza e della redditività (sui risultati di quest’anno, spiega una nota diffusa dalla società, incideranno negativamente il tempo destinato dal management alle trattative di vendita, l’incertezza sul futuro dell’azienda che ha frenato la firma di contratti con nuovi autori e lo sciopero degli sceneggiatori di Hollywood che ha bloccato i diritti di sincronizzazione derivanti da film e telefilm). Qualche analista, come Paul Bates di Charles Stanley Securities Paul Bates, ritiene che la storia non sia finita qui, e che Chrysalis abbia solo differito ma non messo da parte l’ipotesi di una vendita. Ma il ceo del gruppo, Jeremy Lascelles, lo smentisce: “Non abbiamo messo in moto questo processo per fermarci e poi ricominciare tutto da capo”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.