Comunicato Stampa: Jazz in Maremma con il Grey Cat Festival

Comunicato Stampa: Jazz in Maremma con il Grey Cat Festival
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

JAZZ IN MAREMMA CON IL GREY CAT FESTIVAL WINTER 2008

Il classico appuntamento estivo con i migliori artisti italiani e internazionali del jazz ritorna in un’edizione invernale.
Il 15 e 16 marzo in Maremma due concerti da non perdere e una lezione-concerto

Il Grey Cat Festival, il festival jazz che da anni durante il periodo estivo ospita in Maremma star internazionali e le produzioni più innovative del panorama della musica jazz, torna alla ribalta con un appuntamento invernale al Teatro degli Industri di Grosseto.

L’appuntamento è per sabato 15 marzo con Stefano “Cocco” Cantini in “Going Back to Africa”, un nuovo progetto musicale, sospeso tra Africa e jazz, dove il sassofonista italiano si incontra con Francesco Maccianti al piano, Ares Tavolazzi al basso, Piero Borri alla batteria, Ettore Bonafè, Brahima Dembelè e Adamà Dembelè alle percussioni e Claudine Zemasa (voce e danze).

Il weekend di jazz a Grosseto prosegue con “Homage to Art Bakley”, domenica 16 marzo. Un omaggio molto atteso al noto batterista jazz perché vede protagonisti alcuni musicisti che collaborarono in varie edizioni dei suoi Jazz Messengers, il celebre gruppo diretto da Art Blakey dalla fine degli anni ’40. Sarà un dinamico settetto ad offrire un omaggio al loro ex leader in occasione del Grey Cat Winter 2008: Javon Jackson, Philip Harper, Curtis Fuller, Johnny O'Neal, Peter Washington, più il brillante batterista Louis Hayes e il prestigiosissimo Benny Golson.

Oltre ai due concerti, il Grey Cat Winter presenta anche un’iniziativa didattica pensata per portare in teatro i ragazzi più giovani con un approccio mirato al mondo del jazz e per far recepire loro la grande capacità di socializzazione che la musica eseguita in gruppo generalmente esprime. “Dal blues a John Coltrane - i mille volti del jazz” nasce da un’idea di Stefano “Cocco” Cantini che insieme a Francesco Maccianti al pianoforte, Ares Tavolazzi al contrabbasso e Piero Borri alla batteria terrà un incontro-lezione-concerto venerdì 14 e sabato 15 marzo alle ore 10 presso il Teatro degli Industri.

Durante il periodo del Festival, inoltre, sempre presso il Teatro degli Industri, sarà allestita la mostra fotografica “Bianco e nero - i colori del Jazz: da Grey Cat Festival 2006” a cura di Manfredo Pinzauti.

Per informazioni sui concerti: 0564 21151 - 055 240397

Prezzi
Stefano “Cocco” Cantini “Going back to Africa”: interi € 13 - ridotti € 12
“Homage to art Blakey” feat. Former Jazz Messengers: interi € 15 - ridotti € 13

Prevendite: Circuito Box Office 055 210804

Per maggiori informazioni: info@lamaremma.info www.lamaremma.info
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.