I Boyzone (poco fini col Principe Carlo) commemoreranno Lady Di

Data l'inflazione di incontri tra cantanti e governanti, forse non è più un grande onore per un gruppo britannico essere ricevuto dal proprio primo ministro o dal Principe Carlo in persona: lo dimostra la conversazione tra Shane Lynch e l'erede al trono che fu di Enrico VIII. «Eravamo lì al cospetto di Sua Altezza alla fine del concerto per il Prince's Trust», racconta Keith Duffy, «e Shane ha lasciato completamente perdere il protocollo. "Olà, Charlie, come butta?" ha detto; poi gli ha offerto il cappello da contadino che indossava: "Puoi metterlo quando vai a caccia". E alla fine, quando il Principe ha detto che gli sarebbe piaciuto avere qualche nostro disco, lui gli ha risposto: "Cazzo, te ne mandiamo subito dieci. E ti dò anche il numero del mio cellulare: possiamo uscire insieme quando vuoi"».
I Boyzone, fra l’altro, produrranno presto un mini-album in memoria della Principessa del Galles Diana Spencer, i cui proventi saranno destinati al fondo benefico a lei intitolato.
Dietro a questa operazione si muove Mohamed Al Fayed, padre di Dodi, il compagno di Lady D con lei deceduto nell’incidente di Parigi di quasi un anno fa. Le fasi preliminari della realizzazione del disco sarebbero già cominciate, e i Boyzone sperano di poter presentare al pubblico i nuovi brani con una esibizione davanti ai grandi magazzini Harrods (di proprietà della famiglia Al Fayed) proprio alla mezzanotte del 31 agosto, primo anniversario della morte della principessa.
I brani del disco, come spiegato da un collaboratore dei Boyzone, sono stati scelti personalmente da Al Fayed. Il denaro ricavato con la vendita verrà destinato alla scuola “West Heat” di Sevenoaks, dove studiò Lady Diana. La scuola verrà trasformata in centro d’assistenza per bambini vittime di traumi, a perenne memoria della principessa.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.