Jammin' Festival 2008: 'Con Venezia si è cementata un'amicizia'

Passata la tempesta (letteralmente, con quei venti maligni che soffiando a 150 chilometri all'ora hanno lasciato feriti sul campo e stroncato quasi sul nascere l'edizione 2007) gli organizzatori del Jammin' Festival premono il tasto rewind e ricominciano da zero, recuperando Vasco Rossi e Linkin Park (vedi News) e scommettendo nuovamente su Venezia Mestre e il suo Parco San Giuliano. "Di questo li ringrazio sentitamente", esordisce il sindaco Massimo Cacciari, presente anche quest'anno alla conferenza stampa di presentazione dell'evento. "Le disgrazie non sono mai le benvenute, ma la triste esperienza dell'anno scorso è servita quanto meno a cementare una solida amicizia. In quei brutti momenti ho verificato di persona la passione, l'impegno e il sincero dispiacere dell'organizzatore De Luca. E proprio lì, in quel momento, abbiamo deciso di rifare il festival nel 2008. Posso garantire che quest'anno, ancora più dell'anno scorso, l'evento potrà contare sulla partecipazione corale della città e delle sue istituzioni". Assessori provinciali e regionali che siedono al suo fianco annuiscono e dettagliano il programma di interventi deliberati dall'amministrazione pubblica: 25 mila posti auto raggiungibili anche a piedi ("a non più di 2 km dal luogo del concerto"), campeggi nelle immediate adiacenze ("uno a circa 500 metri, l'altro a Forte Marghera, un chilometro e mezzo di distanza"), una convenzione (allo studio) con Trenitalia per mettere a disposizione dei visitatori un biglietto unico utilizzabile anche sulle linee di trasporto urbano. Mentre Roberto De Luca, presidente di Milano Concerti, sottolinea lo sforzo per tenere i prezzi calmierati: 42 euro più diritti di prevendita per la singola giornata (erano 40 l'anno scorso), 96 per l'abbonamento ai tre giorni. E le misure di sicurezza? "Quelle allestite lo scorso anno erano già a norma di regolamento, approvate dalla commissione prefettizia per i pubblici spettacoli: prova ne sia che la perizia depositata dagli esperti incaricati dal giudice ha accertato l'eccezionalità dell'evento atmosferico che si verificò l'anno scorso. Ridurremo un poco la capienza, ma solo per diminuire l'impatto ambientale sulla città".
Tutto come l'anno scorso, dunque, a parte il cambio di ufficio stampa (colpa del balletto di cifre sui biglietti venduti per l'ultima edizione?) e, ovviamente, il cast, anche se De Luca ha provato a riportare chi l'anno scorso non ha potuto suonare: "Aerosmith e Pearl Jam non avevano un tour in programma e non c'è stato nulla da fare. Ma Vasco c'è, e anche i Linkin Park, coheadliner della prima serata, venerdì 20 giugno con i Sex Pistols: siccome entrambi i gruppi ci tengono a suonare la sera stiamo pensando all'eventualità di allestire due palchi per diminuire i tempi di attesa tra i due concerti". "Il cartellone", aggiunge, "è come sempre all'insegna del rock: Iggy Pop & the Stooges e Chris Cornell il venerdì, Counting Crows, Baustelle e Alanis Morissette a precedere i Police domenica 22, ultima occasione per molti fan italiani di vedere dal vivo Sting e compagni prima dello scioglimento definitivo. Ma anche questa volta daremo spazio alle giovani band italiane: sabato, prima di Vasco e dei Marlene Kuntz, si esibiranno No Conventional Sound, Matmata e MAB. Ci è sempre piaciuto lanciare i nuovi talenti. da noi, molto prima di diventare famosi, si sono esibiti Negramaro, Subsonica ed Elisa, Ben Harper e i Muse".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.