Stati Uniti, per alcune etichette il 40 % del fatturato arriva già dal digitale

Se i dati di cui si è discusso in questi giorni (26 e 27 febbraio) al Digital Music Forum di New York troveranno conferma nelle statistiche ufficiali, le case discografiche americane sono ancora più veloci del previsto nel sostituire il cd con il digitale. Ted Mico, responsabile di divisione di Interscope Geffen A&M (gruppo discografico facente capo a Universal) ha rivelato che per quanto riguarda le sue etichette download da Internet e musica distribuita sui cellulari rappresentano già il 40 % del fatturato. E anche Sony BMG, spiega Thomas Hesse, non è da meno: l’incidenza della musica digitale (on-line e mobile) sul volume d’affari totale della major si aggira negli Stati Uniti tra il 35 e il 40 %.
I talk show di Rockol per la Milano Music Week: “Il ticketing”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.