Londra, chiudono gli studi TownHouse

Londra, chiudono gli studi TownHouse
Un altro storico studio di registrazione inglese è arrivato al capolinea. I TownHouse di Shepherd’s Bush, aperti nei tardi anni ’70 da Richard Branson, cesseranno l’attività a fine marzo, a poco più di un anno dalla ripresa dell’attività. Dopo che il fondatore della Virgin l’aveva ceduto alla EMI, nel 2002 il complesso era stato rilevato dalla Sanctuary, che ne aveva avviato la ristrutturazione. Ma ora il nuovo proprietario della “indie” inglese, Universal Music (vedi News), ha preferito disporne la liquidazione, assegnando a una ditta specializzata il compito di venderne all’asta gli “asset”.
Ai TownHouse hanno registrato tra gli altri Sweet (i primi in assoluto), Bob Dylan, Queen, Frank Zappa, Def Leppard, Jam, Oasis, Suede, Blur, Robbie Williams, Placebo e Tina Turner. Elton John, un habitué, vi ha registrato nel settembre del 1997 la versione di “Candle in the wind” dedicata alla memoria di Lady Diana e diventata il singolo più venduto di tutti i tempi.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.