Nord America: tra 5 anni più download che cd

Nord America: tra 5 anni più download che cd
Si avvicina “la fine della musica per come la conosciamo”: in cinque anni, secondo un nuovo studio di Forrester Research che porta proprio questo titolo, in Nord America si verificherà il sorpasso dei download legali a danno dei cd. Nel 2012, sostiene la ricerca, il mercato digitale varrà 4,8 miliardi di dollari, mentre quello dei compact disc scenderà a 3,8 miliardi; il tasso di crescita dei download, 23 % medio all’anno, non sarà comunque sufficiente a colmare la flessione del supporto fisico.
Le risultanze emerse dallo studio sono basate su un sondaggio che ha interessato 5 mila consumatori canadesi e statunitensi: i ricercatori di Forrester sottolineano che i lettori mp3 in commercio hanno ancora parecchia memoria inutilizzata (il 43 %, mediamente), prevedono che la vendita generalizzata di file senza DRM si estenderà anche ad iTunes e ai social network, e che al contrario il download gratuito pagato dalle inserzioni pubblicitarie non decollerà proprio a causa dell’allargamento di offerta di musica priva di Digital Rights Management e dello streaming on-demand su siti come imeem. La buona notizia, per le case discografiche, è che si moltiplicheranno le opportunità di profitto. “Oggi l’artista è il prodotto, non solo la sua origine”, sostiene l’analista James L. McQuivey. “Per esempio, l’industria non è stata finora capace di sfruttare la crescente popolarità di videogiochi come ‘Guitar hero’ e ‘Rock band’. E i videogames di successo vendono fino a cinque milioni di copie: ce n’è abbastanza per motivare anche il dirigente discografico più depresso”.
Anche in Gran Bretagna, intanto, si prevede una forte crescita dei download digitali nel corso del 2008: secondo le cifre pubblicate dall’ ERA (l’associazione dei rivenditori di prodotti di intrattenimento) cresceranno di circa il 50 % toccando i 160 milioni di sterline (312 milioni di dollari), grazie anche a nuovi importanti ingressi sul mercato come quelli di Amazon e di Play.com, che vendono file senza DRM a prezzi (almeno per ora) più bassi di iTunes.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.