Londra, il nuovo Marquee chiude dopo appena sei mesi

Londra, il nuovo Marquee chiude dopo appena sei mesi
Nei suoi cinquant’anni di storia, il tempio del rock londinese ha cambiato la bellezza di sei sedi (la più famosa ed epocale resta quella di Wardour Street, nel cuore del quartiere di Soho): l’ultima della serie, aperta appena sei mesi fa al numero 14 di Upper Saint Martin’s Lane, ha chiuso ufficialmente i battenti lo scorso 12 febbraio, dopo che il proprietario, l’imprenditore nordirlandese Nathan Lowry, si è visto recapitare un’ordinanza di demolizione. Nel breve spazio della sua esistenza, il nuovo Marquee ha fatto comunque in tempo ad ospitare oltre 300 band; ora, spiega il suo sito Internet, si trasformerà in club “virtuale”, organizzando i suoi concerti in luoghi inusuali e tenuti segreti fino all’ultimo, sempre comunque nell’area del West End.
Nel corso della sua gloriosa esistenza, il Marquee ha ospitato tutti i maggiori nomi del rock angloamericano, dagli Yardbirds ai Rolling Stones, da Jimi Hendrix agli Who (celebre la locandina, poi ripresa in alcuni dischi, che riproduce il logo del gruppo, il claim “maximum R&B” e una foto di Pete Townshend in bianco e nero), dai Pink Floyd ai Cream, dai Sex Pistols (cacciati dopo un tafferuglio tra Johnny Rotten e alcuni componenti del pubblico) agli U2.
Dall'archivio di Rockol - La storia di "Tommy" la rock opera degli Who
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.