Salzano e Warner già al lavoro: in cantiere anche un progetto con Panariello

Per Luciano Ligabue, artista Warner che affida l’organizzazione dei suoi concerti a Friends & Partners, resterà tutto come prima. Lo stesso per Pino Daniele, Claudio Baglioni, Biagio Antonacci, Antonello Venditti e gli altri clienti dell’agenzia live di Ferdinando Salzano che si appresta a cambiare (ma solo un po’) fisionomia, assetto proprietario e nome (“il nuovo marchio non lo abbiamo ancora scelto. Ma sicuramente evocherà quello precedente, così da ricordare il mio percorso professionale”). Nessuna corsia preferenziale per la major capitanata da Massimo Giuliano, dunque, nella nuova impresa che da luglio sostituirà F&P allargandone la “mission” istituzionale (vedi News). “No”, conferma Salzano, “non avrebbe senso e sarebbe addirittura controproducente. Io perderei credibilità e competitività sul mercato, e questo ovviamente danneggerebbe anche Warner che ha a cuore la redditività del suo investimento”. Niente a che vedere, insomma, con quei contratti “a 360 gradi” di cui tanto si parla nel music business internazionale, stile Madonna-Live Nation. “Infatti. Per paradossale che possa sembrare è probabile che lavoreremo di più con artisti legati a Universal o a Sony BMG, dato che al momento compongono la grande maggioranza del mio roster. Ci metteremo al servizio anche di personaggi dello spettacolo che col mondo della canzone c’entrano poco o niente: il primo sarà Giorgio Panariello, con cui stiamo progettando degli eventi per l’estate 2008. Non si tratta, nel caso specifico, di fare concorrenza a Bibi Ballandi. Semplicemente di rendersi disponibili a studiare insieme iniziative speciali che esulino un po’ dalla sua ‘routine’ professionale. Con l’appoggio di Warner conto di sviluppare nuove attività di entertainment multimediale, accordi di sponsorship, il music marketing per aziende terze. E di tornare al mio primo amore, la produzione televisiva. Sicuramente allargheremo l’organico, che già oggi tra dipendenti e consulenti conta quasi quaranta persone. Ma il core business resterà la musica dal vivo: io mi sento sempre e comunque un impresario, un organizzatore di concerti”. Che rivendica la sua indipendenza, al di là degli apporti di capitale dall’estero. “Quelli servono a fare cose che con le mie sole forze non potrei realizzare. Indipendente lo sono sempre rimasto, anche nel 2004 quando vendetti tutto a Live Nation. Allora lottai per mantenere la mia autonomia, per avere un ufficio separato da Milano Concerti, per conservare la mia ragione sociale. Ora è anche meglio: sarò managing director con pieni poteri decisionali ma allo stesso tempo torno anche a fare l’imprenditore, dal momento che nella nuova società sono titolare di una quota rilevante (il 40 % delle azioni , ndr). Certo, devo rendere conto del mio operato a una multinazionale: il che è salutare, ti aiuta a tenere i piedi per terra. Avrei potuto anche optare per un partner diverso, le offerte non mancavano. Ho scelto Warner perché mi piaceva l’idea di avere un socio che come me vive di musica, rimettere in circolo denaro in quello che per anni è stato l’elemento cardine dell’industria musicale, la discografia. Ringrazio Massimo Giuliano per la sua lungimiranza. E’ stato lui ad avvicinarmi e a farmi la proposta più convincente”.
    Per Luciano Ligabue, artista Warner che affida l’organizzazione dei suoi concerti a Friends & Partners, resterà tutto come prima. Lo stesso per Pino Daniele, Claudio Baglioni, Biagio Antonacci, Antonello Venditti e gli altri clienti dell’agenzia live di Ferdinando Salzano che si appresta a cambiare (ma solo un po’) fisionomia, assetto proprietario e nome (“il nuovo marchio non lo abbiamo ancora scelto. Ma sicuramente evocherà quello precedente, così da ricordare il mio percorso professionale”). Nessuna corsia preferenziale per la major capitanata da Massimo Giuliano, dunque, nella nuova impresa che da luglio sostituirà F&P allargandone la “mission” istituzionale (vedi News). “No”, conferma Salzano, “non avrebbe senso e sarebbe addirittura controproducente. Io perderei credibilità e competitività sul mercato, e questo ovviamente danneggerebbe anche Warner che ha a cuore la redditività del suo investimento”. Niente a che vedere, insomma, con quei contratti “a 360 gradi” di cui tanto si parla nel music business internazionale, stile Madonna-Live Nation. “Infatti. Per paradossale che possa sembrare è probabile che lavoreremo di più con artisti legati a Universal o a Sony BMG, dato che al momento compongono la grande maggioranza del mio roster. Ci metteremo al servizio anche di personaggi dello spettacolo che col mondo della canzone c’entrano poco o niente: il primo sarà Giorgio Panariello, con cui stiamo progettando degli eventi per l’estate 2008. Non si tratta, nel caso specifico, di fare concorrenza a Bibi Ballandi. Semplicemente di rendersi disponibili a studiare insieme iniziative speciali che esulino un po’ dalla sua ‘routine’ professionale. Con l’appoggio di Warner conto di sviluppare nuove attività di entertainment multimediale, accordi di sponsorship, il music marketing per aziende terze. E di tornare al mio primo amore, la produzione televisiva. Sicuramente allargheremo l’organico, che già oggi tra dipendenti e consulenti conta quasi quaranta persone. Ma il core business resterà la musica dal vivo: io mi sento sempre e comunque un impresario, un organizzatore di concerti”. Che rivendica la sua indipendenza, al di là degli apporti di capitale dall’estero. “Quelli servono a fare cose che con le mie sole forze non potrei realizzare. Indipendente lo sono sempre rimasto, anche nel 2004 quando vendetti tutto a Live Nation. Allora lottai per mantenere la mia autonomia, per avere un ufficio separato da Milano Concerti, per conservare la mia ragione sociale. Ora è anche meglio: sarò managing director con pieni poteri decisionali ma allo stesso tempo torno anche a fare l’imprenditore, dal momento che nella nuova società sono titolare di una quota rilevante (il 40 % delle azioni , ndr). Certo, devo rendere conto del mio operato a una multinazionale: il che è salutare, ti aiuta a tenere i piedi per terra. Avrei potuto anche optare per un partner diverso, le offerte non mancavano. Ho scelto Warner perché mi piaceva l’idea di avere un socio che come me vive di musica, rimettere in circolo denaro in quello che per anni è stato l’elemento cardine dell’industria musicale, la discografia. Ringrazio Massimo Giuliano per la sua lungimiranza. E’ stato lui ad avvicinarmi e a farmi la proposta più convincente”.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.