Rockol Awards 2021 - Vota!

Londra, dalla City altri investimenti sulla musica

Dopo il fondo Ingenious di Patrick McKenna, che finanzia i nuovi progetti discografici di Peter Gabriel (compresa l’etichetta Real World), Prodigy, UB40 e Sia (vedi News), un altro finanziere della City londinese, Tom Bywater, decide che è arrivato il momento di investire nella musica: la sua società di venture capital, Power Amp, sta cercando di rastrellare 10 milioni di sterline, poco meno di 13,4 milioni di euro, con cui finanziare la carriera di venti/trenta artisti britannici, sia emergenti che di lungo corso: in cambio di una partecipazione degli investitori agli utili derivanti da vendite discografiche, edizioni musicali, concerti e merchandising, ha spiegato Bywater, gli stessi artisti “avranno il pieno controllo dei loro destini e una visione trasparente delle loro finanze, ma soprattutto l’ultima parola sul modo in cui vengono utilizzati i loro copyright”. “Dal mondo artistico”, ha aggiunto, “arriva una domanda crescente di soluzioni finanziare alternative (ai contratti con le major, ndr), e noi vi abbiamo risposto creando un modello di sviluppo robusto, flessibile ed efficiente”.
    Dopo il fondo Ingenious di Patrick McKenna, che finanzia i nuovi progetti discografici di Peter Gabriel (compresa l’etichetta Real World), Prodigy, UB40 e Sia (vedi News), un altro finanziere della City londinese, Tom Bywater, decide che è arrivato il momento di investire nella musica: la sua società di venture capital, Power Amp, sta cercando di rastrellare 10 milioni di sterline, poco meno di 13,4 milioni di euro, con cui finanziare la carriera di venti/trenta artisti britannici, sia emergenti che di lungo corso: in cambio di una partecipazione degli investitori agli utili derivanti da vendite discografiche, edizioni musicali, concerti e merchandising, ha spiegato Bywater, gli stessi artisti “avranno il pieno controllo dei loro destini e una visione trasparente delle loro finanze, ma soprattutto l’ultima parola sul modo in cui vengono utilizzati i loro copyright”. “Dal mondo artistico”, ha aggiunto, “arriva una domanda crescente di soluzioni finanziare alternative (ai contratti con le major, ndr), e noi vi abbiamo risposto creando un modello di sviluppo robusto, flessibile ed efficiente”.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.