Musica gratuita in streaming, le major dicono sì a Last.fm

Musica gratuita in streaming, le major dicono sì a Last.fm
Mentre Pandora è costretta a segnare il passo in tutto il mondo, Stati Uniti esclusi (vedi News), il social network/servizio di raccomandazione musicale Last.fm (ora di proprietà del network CBS) annuncia, primo nel mondo, la possibilità di diffondere in streaming gratuito, completo e legale l’intero repertorio registrato delle quattro major discografiche (Universal, Sony BMG, EMI e Warner Music) e di oltre 150 mila artisti, etichette e distributori (The Orchard, IODA; CD Baby, ecc.) indipendenti, oltre 3 milioni e mezzo di brani musicali.
In base agli accordi stipulati con i licenziatari, ogni brano può essere ascoltato gratuitamente e per intero fino a tre volte: dopo di che l’ascoltatore può decidere eventualmente di scaricarlo a pagamento da uno dei negozi digitali affiliati al servizio, tra i quali figurano iTunes, Amazon e 7digital. “Siamo il miglior juke-box del mondo”, commenta soddisfatto Martin Stiksel, uno dei fondatori di Last.fm. “E stiamo costruendo una piattaforma che contribuirà a ridisegnare l’economia musicale, consentendo ad artisti ed etichette di essere pagati in base a ciò che la gente ascolta, piuttosto che in base a quello che compra”, aggiunge il suo socio Felix Miller, specificando che per gli artisti senza contratto è previsto un sistema di accredito royalty diretto. Il servizio on-demand gratuito di Last-fm è stato lanciato mercoledì (23 gennaio) negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e Germania, e prossimamente sarà disponibile anche nelle altre nazioni dove il sito è presente, Italia compresa. La società conta attualmente 20 milioni di utenti unici al mese in 240 paesi del mondo.
Come noto, il blocco dei programmi internazionali di Pandora è legato all’entità delle richieste economiche avanzate da etichette ed editori musicali per le licenze di diffusione on-line; per Last.fm, evidentemente, questo non è stato un ostacolo.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.