Simply Red, Mick 'il rosso' fa pace con la Warner

Simply Red, Mick 'il rosso' fa pace con la Warner
Ci sono voluti sette anni per riconciliare Mick Hucknall con la sua ex casa discografica, accusata dal cantante inglese di accaparrarsi la fetta maggiore degli introiti su dischi che lui stesso aveva in gran parte finanziato. La querelle era scoppiata nel 2000, dopo che la Warner aveva messo in commercio l’antologia non autorizzata “It’s only love”: da quel momento in avanti i rapporti si erano completamente interrotti, e il cantante aveva pubblicato i suoi nuovi lavori attraverso un’etichetta autogestita, simplyred.com (vedi News). A partire dall’estate del 2006, tuttavia, c’era stato un riavvicinamento tra le parti, voluto dal manager dei Simply Red (ed ex dirigente Warner) Ian Grenfell: il risultato di quel lungo lavoro diplomatico è una joint venture Hucknall-Warner che li vedrà condividere al 50 % la proprietà di un catalogo discografico che include grandi best seller come “Picture book”, A new flame” e “Stars”. Sono già in programma, di conseguenza, riedizioni rimasterizzate e con bonus track dei vecchi album dei Simply Red e la distribuzione del repertorio, per la prima volta, in formato digitale.
“Ci siamo resi conto di quanto fosse ridicolo che Mick non avesse voce in capitolo sul suo catalogo”, ha spiegato Grenfell. “E’ come se a un certo punto lo avesse ripudiato: anche se poi dal vivo interpreta ancora le vecchie canzoni perché è quello che il pubblico vuole. Ma quando gli ho proposto questo accordo, è andato tutto liscio: si rende conto che c’è un vantaggio commerciale nel lavorare con una società multinazionale, e comunque manterrà la sua indipendenza e il potere di pubblicare dischi alle sue condizioni”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
16 nov
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.