EMI bussa alla porta di Chrysalis: vuole le sue edizioni musicali

EMI bussa alla porta di Chrysalis: vuole le sue edizioni musicali
Non pensa solo a risparmiare, ma anche a investire il nuovo boss della EMI Guy Hands: circola infatti voce che abbia lanciato un’offerta di acquisto per la società di edizioni musicali Chrysalis Music, detentrice di un ricco catalogo di canzoni che include molta della prima produzione di David Bowie accanto a brani di Leonard Cohen, Blondie, Jethro Tull, Billy Idol, Portishead, Gnarls Barkley, David Gray, Aphex Twin, Athlete e molti altri. Il cofondatore della società, Chris Wright, che lo amministra dalla fine degli anni ’60, non aveva fatto mistero di voler cedere il suo sostanzioso patrimonio editoriale (vedi News): a cui, oltre alla EMI, sarebbero interessati anche i suoi principali concorrenti come Warner Chappell (gruppo Warner Music) e Sony/ATV.
Dal 1991 la EMI possiede già il catalogo discografico della Chrysalis; gli interessi editoriali della società sono attualmente rappresentati in Italia dalla Cafè Concerto di Federico Monti Arduini.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.