SIAE, ok a un progetto per lo smaltimento eco-compatibile di cd e dvd

L’emergenza rifiuti riguarda, eccome, anche l’industria audiovisiva. Ogni anno restano invenduti nelle edicole e nei magazzini e vengono conseguentemente mandati al macero decine di milioni di cd e dvd corrispondenti a 850 tonnellate di policarbonato (un derivato del petrolio utilizzato per la fabbricazione dei dischetti digitali), 3.250 tonnellate di polipropilene (impiegato per le custodie dei dvd), 700 tonnellate di polistirolo (usato per le custodie dei cd), 1.000 tonnellate di carta e altri 4 milioni di metri quadrati di polipropilene utilizzati per le confezioni in cellophane: una montagna di immondizia che finisce nelle discariche, che libera diossina nell’aria quando viene bruciata e che spesso e volentieri finisce in mani sbagliate alimentando il mercato nero e i profitti della camorra. Che fare? La SIAE, con l’avallo dell’Univideo e della federazione antipirateria Fapav, si è mossa per dare una risposta al problema aderendo al progetto Omero: un innovativo processo industriale brevettato da una società italiana, Oms (Optical media service), che promette il riciclaggio eco-compatibile del 98 % dei cd e dvd e delle relative confezioni in carta e in plastica.
Presentato giovedì, 17 gennaio, alla Biblioteca del Burcardo a Roma, il sistema permette di separare i vari componenti, “ripulendo” i supporti dai loro contenuti audio e video così da poterli rivendere come cd vergini, a costi ridotti, alle aziende produttrici. Nella fase iniziale della lavorazione, Oms prevede di riciclare nella sua sede di Peschiera Borromeo 750 mila pezzi al mese, che a regime dovrebbero diventare 5 milioni (con la possibile apertura di un altro stabilimento nel Sud Italia). Nella cittadina lombarda verranno sistemati appositi raccoglitori sorvegliati per lo smaltimento dei cd e dvd; la SIAE, attraverso i propri ispettori, controllerà il processo di riciclaggio in modo da garantire che i supporti siano realmente trattati e non finiscano nel mercato dell’illecito.
Music Biz Cafe, parla Stefano Lionetti (TicketOne)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.