Amazon lancia la promozione con Pepsi: grande assente la Universal

Cresciuto in progressione sul passaparola e lontano dagli occhi del grande pubblico, il negozio digitale di Jeff Bezos è pronto alla fase due: il grande debutto in società con l’operazione promozionale che dal 1° febbraio coinvolge il colosso delle bevande analcoliche Pepsi (vedi News). Battezzata Pepsi Stuff, la campagna consente al pubblico il download gratuito di brani musicali senza DRM (e dunque riproducibili su qualunque tipo di lettore digitale) e coinvolge le più importanti etichette discografiche comprese le major Sony BMG, EMI e Warner Music: grande assente la Universal, che pure ha concesso il proprio catalogo per la vendita senza protezioni su Amazon (vedi News) ma che, sembra, non si è messa d’accordo sulle modalità di compenso per sé e i suoi artisti in relazione ai download gratuiti. Per avervi accesso, i consumatori devono collezionare i punti contenuti in 4 miliardi di bottiglie e confezioni distribuiti nei bar e nei centri commerciali dalla Pepsi e riscattarli sul sito PepsiStuff.com (servono 5 punti per scaricare un brano); gli stessi punti si possono utilizzare in alternativa per scaricare programmi televisivi o per ottenere gratuitamente cd, dvd, magliette, gadget elettronici o altri articoli venduti da Amazon, per un montepremi totale pari a 1 miliardo di dollari.
    Cresciuto in progressione sul passaparola e lontano dagli occhi del grande pubblico, il negozio digitale di Jeff Bezos è pronto alla fase due: il grande debutto in società con l’operazione promozionale che dal 1° febbraio coinvolge il colosso delle bevande analcoliche Pepsi (vedi News). Battezzata Pepsi Stuff, la campagna consente al pubblico il download gratuito di brani musicali senza DRM (e dunque riproducibili su qualunque tipo di lettore digitale) e coinvolge le più importanti etichette discografiche comprese le major Sony BMG, EMI e Warner Music: grande assente la Universal, che pure ha concesso il proprio catalogo per la vendita senza protezioni su Amazon (vedi News) ma che, sembra, non si è messa d’accordo sulle modalità di compenso per sé e i suoi artisti in relazione ai download gratuiti. Per avervi accesso, i consumatori devono collezionare i punti contenuti in 4 miliardi di bottiglie e confezioni distribuiti nei bar e nei centri commerciali dalla Pepsi e riscattarli sul sito PepsiStuff.com (servono 5 punti per scaricare un brano); gli stessi punti si possono utilizzare in alternativa per scaricare programmi televisivi o per ottenere gratuitamente cd, dvd, magliette, gadget elettronici o altri articoli venduti da Amazon, per un montepremi totale pari a 1 miliardo di dollari.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.