L'industria musicale chiede troppo, Pandora fuori anche dal Regno Unito

Dopo aver dovuto rinunciare, almeno per ora, alla diffusione del servizio nel resto del mondo, Pandora è costretta a dire addio anche alla Gran Bretagna (a meno che editori e discografici inglesi non decidano di rivedere le loro posizioni). La celebre Web radio californiana, che attraverso un sofisticato software automatico di raccomandazioni musicali permette a chiunque di ascoltare e scoprire artisti vicini ai suoi gusti confezionandosi un palinsesto personalizzato, era già stata costretta a bloccare l’accesso a quasi tutti gli utenti Internet residenti al di fuori degli Stati Uniti; nella prospettiva di aprirsi un varco almeno nell’importante mercato britannico, tuttavia, aveva aperto un ufficio a Londra ripromettendosi di regolare con gli operatori locali dell’industria musicale la questione delle licenze di trasmissione e del pagamento dei diritti d’autore. Ora però il fondatore Tim Westergren ha deciso di fare marcia indietro, dal momento che a suo dire le società di collecting che rappresentano autori, editori, artisti e produttori fonografici chiedono troppi soldi, “percentuali minime troppo alte che non permettono a una radio finanziata dalla pubblicità di funzionare”.
Westergren non nasconde il suo disappunto per l’esito infelice della trattativa, e spara a zero su case discografiche ed editori musicali inglesi: “L’unica conseguenza del mancato appoggio a società che, come Pandora, cercano di costruire un business radiofonico sostenibile per il futuro sarà la perdurante esplosione della pirateria, il continuo restringimento delle opportunità per i musicisti professionisti e l’inaridimento delle fonti di nuova musica per gli appassionati”. A meno che, appunto, di fronte al suo no si riapra un tavolo delle trattative.
Dall'archivio di Rockol - Dieci oggetti feticcio del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.