Lo scopritore degli Oasis: ecco i gruppi da ascoltare nel 2008

Lo scopritore degli Oasis: ecco i gruppi da ascoltare nel 2008
Non è proprio totalmente vero che fu Alan McGee a scoprire gli Oasis. Solo che, a furia di ripeterlo, l’affermazione è ormai diventata accettata e anche gli stessi Oasis si sono stufati di contestarla. McGee, discografico inquieto ed obliquo, anticipatore delle tendenze, ha scritto per il “Guardian” un articolo in cui indica, s’intende secondo i suoi (personalissimi) gusti, quali sono i gruppi che nel 2008 occorre proprio ascoltare.
Black Affair: electro-pop a cura di Steve Mason, ex della Beta Band.
Flying Lotus: un nuovo Dr. Dre. E’ Steven Ellison, nipote del grande Alice Coltrane.
Glasvegas: la miglior band di Glasgow da anni a questa parte. Combinano Jesus and Mary Chain con Sam Cooke ed il primo Elvis Presley.
Howlin’ Rain: il frutto del chitarrista Ethan Miller. Messi sotto contratto da Rick Rubin.
Whitest Boy Alive: l’emanazione di Erland Øye, ex Kings Of Convenience. “Se ci fosse giustizia i Whitest Boy Alive sarebbero in cima alle classifiche pop sino alla fine dei tempi”.
Everest: un po’ alla Jayhawks, gli Everest coniugano le chitarre di Neil Young in epoca 1971 con i giri di basso di Paul McCartney.
Soulsavers: “Con la collaborazione di Mark Lanegan, i Soulsavers salveranno il pop. Un solo goccio del loro singolo ‘Revival’ vi farà chiedere perché i Verve abbiano avuto bisogno di tornare assieme visto che Ashcroft e soci non scriveranno mai una canzone migliore di questa”.
Singer: i primi concerti dei Singer sono più che promettenti. Creatura di Rob Lowe, ex 90 Day Man, architetto del rumore.
Spinnerette: creazione di Brody Dalle, ex Distillers. “I pezzi che ho sentito sono più art-pop che punk-rock”.
Hatcham Social: influenzati dai Josef K, “un meraviglioso gruppo pop col batterista più cool del mondo”.
Alan McGee è nato il 29 settembre 1960 in Scozia ed è stato grande animatore della scena indie britannica di metà anni Novanta con la sua etichetta Creation Records. Ora è il manager dei Dirty Pretty Things di Carl Barat, ex socio di Pete Doherty ai tempi dei Libertines.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.