iPhone, tribunale tedesco ripristina l'esclusiva di contratto per T-Mobile

In Germania torna tutto come prima: dopo l’ingiunzione del tribunale che, su istanza di Vodafone, aveva imposto all’esclusivista territoriale T-Mobile di vendere il telefonino della Apple anche a chi non accetta di sottoscrivere un abbonamento con l’operatore (sia pure a prezzo più elevato: 999 euro invece di 399, vedi News), un giudice di appello ha ribaltato il giudizio dando ragione alla affiliata di Deutsche Telekom: come succede negli Stati Uniti con AT&T e nel Regno Unito con O2, dunque, gli acquirenti tedeschi dell’iPhone saranno obbligati a sottoscrivere un abbonamento biennale con T-Mobile e non avranno più la possibilità di acquistare l’apparecchio “sbloccato”.

Intanto in Francia, dove l’iPhone dallo scorso 28 novembre è disponibile nelle due diverse modalità di acquisto, ne sono già stati venduti 30 mila esemplari: l’80 % degli acquirenti, precisa France Telecom, ha sottoscritto il contratto biennale di abbonamento con il suo operatore di telefonia mobile, Orange.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.