Scott Weiland ammette l’arresto ma dice: ‘Non ero ‘fatto’’

Scott Weiland ammette l’arresto ma dice: ‘Non ero ‘fatto’’
Scott Weiland, il cantante dei Velvet Revolver, ha ammesso d’essere stato arrestato (e poi rilasciato) dalla polizia californiana ma ha anche negato d’essere stato “fatto” al momento dell’incidente stradale che ha causato il suo fermo. Dell’episodio Rockol ha riferito lo scorso 4 dicembre. L’ex leader degli Stone Temple Pilots ha riferito che la ricostruzione dell’avvenimento risulta distorta: non si è rifiutato, come invece affermato, di sottoporsi alla prova del “breathalyzer”, una sorta di etilometro. Attraverso il suo PR, Weiland (vero nome Scott Richard Kline, nato a Santa Cruz, USA, nell’ottobre ’67) ha specificato che alla guida del suo veicolo non si trovava assolutamente sotto l’influsso di droghe, “legali od illegali”, e che anzi al test dell’etilometro si è sottoposto volontariamente. Il vocalist, in libertà su cauzione, “non vede l’ora di presentarsi in tribunale il 13 dicembre per chiarire la sua posizione”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.