Guy Hands (EMI): 'IFPI, RIAA e BPI ci costano troppo'

Guy Hands (EMI): 'IFPI, RIAA e BPI ci costano troppo'
L’industria discografica spende troppo denaro per tenere in piedi le sue associazioni di categoria. Parola di Guy Hands, il nuovo “padrone” della EMI sempre con le forbici in mano alla ricerca di rami secchi da tagliare (ha già anticipato ai suoi dirigenti un ridimensionamento degli stipendi e si è detto pronto a licenziare gli artisti “scansafatiche” e poco collaborativi, vedi News). Il finanziere della City ha scritto una lettera ai boss delle altre major per sensibilizzarli sul problema: tra la federazione internazionale IFPI e organizzazioni locali come RIAA (Stati Uniti) e BPI (Regno Unito), secondo lui, esistono troppe e superflue sovrapposizioni di ruolo, dal momento che le une e le altre perseguono spesso i medesimi obiettivi (lotta alla pirateria, attività di lobby nei confronti dei governi e di altri interlocutori). Risultato, i discografici spendono più di qualunque altra industria per finanziare i propri organismi di rappresentanza, 250 milioni di dollari all’anno: soldi che, secondo Hands, potrebbero essere spesi con maggiore intelligenza se si provvedesse a rivedere radicalmente funzioni e strutture della stessa IFPI.
John Kennedy, che della International Federation of the Phonographic Industry è presidente, ha replicato con diplomazia. “Sono disposto a suggerire soluzioni che possano accontentare tutti. Non mi è ancora arrivata nessuna lettera dalla EMI ma questa sua preoccupazione non mi sorprende e anzi la capisco. E’ stato un anno molto duro per l’industria discografica, e ovviamente le discussioni sui budget delle aziende vertono sulla ricerca del risparmio e dell’efficienza”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.