Doug Morris (Universal) e la musica digitale: 'Non ci faremo più manipolare'

Doug Morris (Universal) e la musica digitale: 'Non ci faremo più manipolare'
I programmi per il lancio di Total Music, l’ “anti iTunes” architettato dal numero uno di Universal Music Doug Morris (vedi News), vanno avanti: lo ha confermato lo stesso manager discografico statunitense nel corso di una intervista concessa a Wired Magazine, da cui risultano confermati anche la collaborazione al progetto dei concorrenti Warner Music e Sony BMG e i fitti colloqui intercorsi con Microsoft (vedi News). Per strappare quote di mercato all’iPod, aggiunge Morris, è necessario che i costruttori di lettori digitali (Zune, Sony Walkman, PlayStation, Rio…) e di music phones (Nokia, Motorola, Sony Ericsson ecc.) si facciano carico dei costi di abbonamento al servizio di download almeno a tempo determinato, così da stimolare i consumatori a cercare un’alternativa al loro “gadget” tecnologico preferito.
Pungolato da Wired a proposito della lentezza con cui l’industria musicale ha reagito alla rivoluzione digitale, Morris (che l'articolista dipinge come un "discografico vecchio stampo") prende le difese della categoria: “Non è che abbiamo perso un’opportunità, è che non sapevamo cosa fare. Nessuno di noi era un esperto di tecnologia. E’ come se ti chiedessero di punto in bianco di operare il tuo cane per rimuovergli il fegato. Che fai, in casi come quello?”. Ma ora, aggiunge il boss di Universal, la musica è cambiata (si pensi alla causa ancora in corso con MySpace, alle sue schermaglie con iTunes e YouTube, al contratto con Microsoft che garantisce alla major un dollaro di incasso su ogni Zune venduto). “Ricordate lo Shmoo, il personaggio dei cartoon di Li’l Abner? Un animaletto carino e simpatico, che però potevi fare a fette e mangiare con le cipolle, se avevi fame, o trasformare in una palla se avevi voglia di giocare a football. L’industria discografica era diventata esattamente così”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.