Musica in crisi, industria e sindacati chiedono l'intervento del Governo

In soli quattro anni il fatturato dell’industria discografica italiana è calato del 30 % e il personale impiegato nel settore si è ridotto di un altro 20 %. Quanto basta, secondo gli operatori, per invocare lo stato di crisi e misure urgenti di sostegno da parte del governo, invitato ad aprire tempestivamente un tavolo di discussione finalizzato alla previsione di interventi strutturali: lo chiedono, con un appello indirizzato al Presidente del Consiglio Romano Prodi, al Ministro per i Beni Culturali Francesco Rutelli, al Ministro dello Sviluppo Economico Pierluigi Bersani e al Sottosegretario di Stato Franco Riccardo Levi le associazioni costituenti del Sistema Cultura Italia in Confindustria (AFI, FIMI, PMI e Univideo) e le rappresentanze sindacali dei lavoratori SLC-CGIL, FISTEL-CISL e UILCOM-UIL.
Tra le cause principali della crisi strutturale, i firmatari del documento citano l’aggravarsi della pirateria sui mezzi di comunicazione digitale e il lento decollo dell’offerta legale on-line.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.