Nuovi modelli di business: 'Starbucks e Live Nation sono vincenti'

C’è ancora modo di fare profitto con la musica e con le pop star, oggi che molte di loro (Radiohead in testa) sembrano intenzionate a fare da sé? Paul Resnikoff di “Digital Music News” sostiene di sì: a condizione di stravolgere le regole del business come stanno facendo, di questi tempi, marchi quali Starbucks e Live Nation. “Starbucks”, scrive Resnikoff per illustrarne la strategia, “ti vende un disco di McCartney, ti regala un download gratuito e mette le sue connessioni WiFi a disposizione dei benestanti possessori di un iPhone. Ti propone musica interessante mentre conversi con qualcuno sorseggiando il tuo caffelatte. Si fa largo nella tua mente e prepara la strada per un tuo ritorno”. Live Nation, invece, “ti porta il circo di Madonna in città, ti abbaglia con un prezzo del biglietto impossibile e va in prima pagina sui giornali locali. Al concerto, ti vende il Cd, il Dvd, una t-shirt, una bibita, un pretzel e un posto nel parcheggio VIP. Dopo lo show coltiva la relazione on-line, attirandoti in un universo di supporti musicali, merchandise e download digitali. E organizza tutti questi asset intorno a un’esperienza che non può essere scaricata, dilazionata nel tempo o duplicata”.
    C’è ancora modo di fare profitto con la musica e con le pop star, oggi che molte di loro (Radiohead in testa) sembrano intenzionate a fare da sé? Paul Resnikoff di “Digital Music News” sostiene di sì: a condizione di stravolgere le regole del business come stanno facendo, di questi tempi, marchi quali Starbucks e Live Nation. “Starbucks”, scrive Resnikoff per illustrarne la strategia, “ti vende un disco di McCartney, ti regala un download gratuito e mette le sue connessioni WiFi a disposizione dei benestanti possessori di un iPhone. Ti propone musica interessante mentre conversi con qualcuno sorseggiando il tuo caffelatte. Si fa largo nella tua mente e prepara la strada per un tuo ritorno”. Live Nation, invece, “ti porta il circo di Madonna in città, ti abbaglia con un prezzo del biglietto impossibile e va in prima pagina sui giornali locali. Al concerto, ti vende il Cd, il Dvd, una t-shirt, una bibita, un pretzel e un posto nel parcheggio VIP. Dopo lo show coltiva la relazione on-line, attirandoti in un universo di supporti musicali, merchandise e download digitali. E organizza tutti questi asset intorno a un’esperienza che non può essere scaricata, dilazionata nel tempo o duplicata”.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.