Prova prodotto: arriva in italia l'iPod Touch.

E' disponibile anche in Italia l'ultimo modello di iPod: il “touch”, presentato lo scorso settembre insieme ai nuovi Nano e Classic (vedi News). Rockol ha avuto la possibilità di provarlo, ed ecco le nostre impressioni.
Alla presentazione italiana avevamo già espresso un misto di entusiasmo e (alcune) perplessità. Una prova più approfondita conferma questa impressione in parte contraddittoria. Partiamo dai dati: l'iPod Touch è disponibile in due versioni, una con 16 giga di memoria, e una con 8, rispettivamente a 299 e 399 euro. E' un iPod basato sulla tecnologia dell'iPhone: grande schermo a sfioramento per i controlli, dimensioni ridotte rispetto all'iPod tradizionali ma maggiori rispetto al Nano. Sostanzialmente permette di fare tutto quello che fa un iPod tradizionale (ascoltare musica, vedere video e foto, ascoltare podcast, gestire dati come contatti e calendario), ma su un video più grosso e definito (3',5" contro 2'5"), senza usare tasti fisici ma con una nuova interfaccia denominata “Multi touch”. All'iPod aggiunge la possibilità di agganciarsi ad una rete wi-fi, di navigare in Internet tramite Safari (il browser del sistema operativo Mac) e di vedere video su You Tube attraverso un programma dedicato.
Partiamo dai pregi: per chi non ha mai visto un iPhone, l'iPod touch è spettacolare. Interfaccia intuitiva, con belle animazioni, controlli comodi e veloci, una volta acquisite alcune nozioni di base. La gestione della musica è più “visiva” grazie all'uso massiccio del “Cover flow” già presente su iTunes, che dà la sensazione di sfogliare una collezione di dischi veri e non digitali. La navigazione su Safari è paragonabile a quella su un computer vero, ma la verà novità è la versione wi-fi di iTunes Music Store: davvero spettacolare e velocissima, si ha tutto a portata di dito, sia la possibilità di acquistare musica, sia anche solo sfogliare un enorme database. L'unico problema è la non brillante copertura sul territorio italiano delle reti wi-fi. Si spera che iniziative come quella della città di Milano, che ha creato una rete senza fili aperta al Parco Sempione, diventino la regola e non l'eccezione. L'altro dubbio generale sul Touch è sua la bassa capacità, almeno relativamente agli altri iPod, che ora arrivano a 160GB.
I dubbi veri arrivano se si confronta il Touch all'iPhone, che ha un po' di memoria in meno (arriva fino a 8GB), ma molte funzioni in più, alcune basate proprio sul wi-fi: programma per gestire la mail e altre mini diavolerie (previsioni del tempo, mappe eccetera), fotocamera. Insomma il Touch è un iPhone depotenziato, anche se il tentativo di differenziare i due oggetti sembra proprio passare attraverso alcune di queste omissioni volontarie: il touch è un lettore multimediale, per questo non ha mail, mappe eccetera (e non si possono neanche modificare gli appuntamenti sul calendario), e neanche la fotocamera. L'iPhone, invece, è un organizer/iPod con telefono. Chi ha avuto l'occasione di provare un iPhone (in Italia arriverà – si dice- a dicembre, ma ne girano diversi, versioni americane “sbloccate” tramite software illegali che la Apple ha recentemente reso inutilizzabili con un nuovo aggiornamento del firmware) potrà sicuramente notare l'impressionante somiglianza tra i due dispositivi, e anche le mancanze del Touch.
Molte di queste scelte hanno fatto arrabbbiare diversi utenti, come raramente era successo nella storia della Apple, che ha un pubblico fedele e spesso anche a-critico. Dal canto nostro, il “verdetto” è provvisorio: il touch è un bellissimo gadget tecnologico, consigliato a chi non vuole aspettare l'iPhone (e a chi non vorrà sottoscrivere il contratto obbligatorio di due anni con cui verrà venduto, come in America). Oppure a chi vuole un iPod multimediale, ma non ha grandissime esigenze di capienza musicale. Per gli altri, meglio aspettare l'iPhone, o rimanere sugli iPod classici.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.