Ian Brown e Johnny Marr: 'I Radiohead hanno ragione'

Ian Brown e Johnny Marr: 'I Radiohead hanno ragione'
Ian Brown, spirito iconoclasta ed ex cantante degli Stone Roses, gruppo semisconosciuto in Italia ma quasi epocale in Gran Bretagna, e Johnny Marr, ex chitarrista degli Smiths, hanno lodato, seppure con ben differenti sfumature, la già celebre iniziativa dei Radiohead. Il gruppo di Oxford, come riportato da Rockol, ha lasciato che siano i propri fan a stabilire il prezzo del download del loro nuovo album "In rainbows". "Credo che sia un'idea veramente fantastica perché lascia la responsabilità alla coscienza della gente, e inoltre tratta le persone come degli adulti. Tutti sanno che, se veramente si vuole, la musica uno può procurarsela anche gratis; adesso vediamo se si vuole mostrare alla band il proprio apprezzamento. Loro sperano in bene, e io credo che la cosa funzionerà", ha affermato Marr. E Ian Brown, più brutalmente: "Idea meravigliosa. Qualsiasi cosa possa sfasciare l'industria discografica, io la appoggio".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.