File sharing illegale, cittadina americana condannata a una mega-multa

File sharing illegale, cittadina americana condannata a una mega-multa
Una trentenne single e madre di due bambini è la prima cittadina americana a essere condannata in giudizio per peer-to-peer illegale, avendo deciso di sfidare in tribunale le case discografiche: a Jammie Thomas, questo il nome dell’imputata, è stata comminata una multa di ben 222 mila dollari (157 mila euro), 9250 dollari per ognuno dei 24 brani diffusi illegalmente in rete e riguardanti artisti come Janet Jackson, Richard Marx, Journey, No Doubt, Green Day e Sarah McLachlan.
Il 21 febbraio del 2005 gli investigatori della RIAA, l’associazione dei discografici americani, avevano intercettato attraverso il software Safenet un utente di Internet intento a distribuire attraverso il network di KaZaA 1.702 file audio messi in condivisione dai “folder” del suo computer. Individuato il provider utilizzato dal file sharer, Charter Communications, erano risaliti alla sua identità: si trattava appunto della Thomas. Quest’ultima, invece di patteggiare, ha cercato di provare in tribunale la sua innocenza: ma i dodici giurati riuniti in assise a Duluth, Minnesota (la città natale di Bob Dylan) l’hanno ritenuta colpevole all’unanimità dando ragione alle sei case discografiche, Sony BMG, Universal, Arista, Interscope, Capitol e Warner Bros., che l’avevano denunciata.
In Italia, a fine settembre, alcuni file sharer illegali individuati dalla Guardia di Finanza di Bergamo erano stati condannati a una sanzione amministrativa complessiva di 8 milioni e mezzo di euro (vedi News).
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.