Cassazione: niente musica in radio se non si pagano le case discografiche

Cassazione: niente musica in radio se non si pagano le case discografiche
Non basta pagare la SIAE, per trasmettere musica in radio: bisogna versare una somma anche alle case discografiche titolari dei brani diffusi via etere. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con una sentenza emessa in data 8 giugno dalla terza sezione penale che respinge il ricorso presentato da un’emittente di Reggio Emilia dopo un sequestro effettuato dalla Guardia di Finanza. I magistrati del supremo organo giudicante hanno replicato che il mancato versamento dei diritti “connessi” alle imprese discografiche (rappresentate nella circostanza dall’agenzia SCF, Società Consortile Fonografici) costituisce una violazione delle norme sul diritto d’autore assumendo rilevanza penale: come gli autori, infatti, anche i discografici titolari delle registrazioni sono detentori di un diritto esclusivo protetto dalla legge.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.