Migliaia di Cd e musicassette sequestrati nella Repubblica di San Marino

Su denuncia della FIMI e di FPM (Federazione anti Pirateria Musicale) la magistratura e la polizia di San Marino hanno dato il via ad una serie di perquisizioni nei negozi della repubblica del Titano sequestrando migliaia tra cd e musicassette pirata.

Da tempo il piccolo Stato è nel mirino dell'industria per l'alta percentuale di materiale musicale pirata distribuito anche in Italia. La polizia, che è intervenuta con diverse perquisizioni in contemporanea bloccando l'intero centro cittadino, in alcuni casi ha dovuto sfondare le porte dei negozi per potervi accedere, suscitando le ire dei commercianti indagati.
Secondo la legge di San Marino, i negozianti rischiano multe fino a 200 milioni (centomila lire per ogni copia pirata sequestrata). Chissà se almeno gli ripagheranno la porta…
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Gaetano Blandini (SIAE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.