Universal compra Sanctuary, via libera degli azionisti

Universal compra Sanctuary, via libera degli azionisti
Cambiano gli scenari e i rapporti di forza all’interno dell’industria discografica mondiale. Dopo l’operazione Terra Firma-EMI (vedi News) va a buon fine anche la proposta di acquisto che lo Universal Music Group aveva avanzato nei confronti del gruppo londinese Sanctuary: rastrellando attraverso la filiale Centenary una piccola quota di azioni ancora disponibile sul mercato (lo 0,2 %) e ottenendo l’adesione dell’89,8 % degli azionisti correnti, la major del gruppo Vivendi ha raggiunto il quorum necessario (90 % del capitale sociale) a concretizzare il suo progetto.
“Dopo l’acquisizione di BMG Music Publishing”, commenta nel comunicato che ufficializza la notizia il presidente e ad di Universal Music International Lucian Grainge, “questo accordo rappresenta un altro passo importante nella diversificazione del nostro business e verso la fornitura di servizi ancora più integrati ai nostri autori e artisti”. Rilevando la Sanctuary, infatti, Universal non solo incrementa il suo back catalog discografico ed editoriale ma entra anche direttamente nel business dell’organizzazione di concerti, del management artistico e del merchandising.
Fondata da Andy Taylor e Rod Smallwood (poi “sfiduciati” dal consiglio di amministrazione della società in quanto ritenuti responsabili della grave crisi finanziaria del gruppo: vedi News), la Sanctuary ha continuato a vivere momenti difficili, specie nella divisione discografica, anche sotto la guida di Frank Presland e Bob Ayling (ex amministratore delegato di British Airways). Ciò nonostante, UMG ha messo sul piatto 44,5 milioni di sterline (66,15 milioni di euro, in contanti) e ha accettato di assumersi debiti per 59,8 milioni di sterline pur di prenderne possesso.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.