Starbucks, dopo Joni Mitchell toccherà a James Taylor?

Il sito americano HITS Dailydouble sostiene che Starbucks ha già in cassaforte un contratto discografico firmato da James Taylor, ma che ha deciso di rinviarne notizia (da qui a un mese, un mese e mezzo) per non fare ombra al già annunciato ingaggio di Joni Mitchell (vedi News).
Il presidente della società, Ken Lombard, non commenta l'indiscrezione, ma ammette di essere in contatto con numerosi artisti. “Molti di loro”, ha dichiarato, “sono insoddisfatti del rapporto che hanno con le loro etichette, e noi mettiamo a loro disposizione una grande opportunità di bilanciare business e creatività artistica”.
Per Starbucks, commenta HITS, l’accordo con Taylor rappresenta un affare potenzialmente molto lucrativo: il cinquantanovenne cantautore del Massachusetts ha venduto oltre un milione di copie sia con l’ultimo album di studio per la Columbia, nel 2002, sia con la raccolta di successi della Warner pubblicata l’anno successivo.
Music Biz Cafe, parla Ghemon
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.