Ufficiale, Rough Trade Records passa al Beggars Group

Come già anticipato da Rockol (vedi News), l’etichetta Rough Trade Records, oggi totalmente separata dagli omonimi negozi di dischi londinesi, entra a far parte del Beggars Group di Martin Mills (Beggars Banquet, XL Recordings, Mo’ Wax, Matador, Wiiija ecc.): quest’ultimo ha infatti rilevato le quote azionarie, 49 %, precedentemente in mano alla Sanctuary per una cifra stimata in 800 mila sterline, 1 milione e 192 mila euro. La società continuerà ad operare dai suoi uffici londinesi di Golborne Road, delegando alla Beggars le funzioni amministrative centrali.
“E’ l’unico modo per continuare a essere un’etichetta totalmente indipendente” ha spiegato il titolare Geoff Travis con un comunicato firmato insieme alla socia in affari e cofondatrice Jeannette Lee, ex componente dei P.I.L. di John Lydon. “E’ stato un viaggio lungo e accidentato, dai tempi in cui vendevamo singoli dei Lurkers nel negozio Rough Trade di Kensington Park Road a questa nuova partnership con Martin Mills e il suo Beggars Group”, ha ricordato. “Una strada piena di sobbalzi e schianti (vedi la bancarotta del 1991, ndr) ma nondimeno abbiamo avuto modo di ospitare sulla nostra etichetta artisti di livello mondiale. Io e Jeannette Lee sappiamo che questo legame darà finalmente all’etichetta la stabilità, il dinamismo e la competenza necessarie per crescere su base mondiale. Con Beggars condividiamo una cultura basata sugli artisti e sul rispetto del loro lavoro”.
Anche Martin Mills si è lasciato andare ai ricordi: “Quando abbiamo iniziato, portavo i nostri dischi in macchina al loro negozio di Notting Hill. Rough Trade è sempre stata una protagonista cruciale della scena indipendente inglese, dai tempi degli Smiths e della società di distribuzione The Cartel agli Strokes e ai Sufjan Stevens di oggi”.
Dall'archivio di Rockol - 11 Artisti diventati famosi grazie ai video su Internet
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.