Edizioni, Chrysalis cede tutto a Warner?

Edizioni, Chrysalis cede tutto a Warner?
Proprio nei giorni in cui l’Antitrust britannico concede il suo nulla osta all’acquisizione della Sanctuary da parte di Universal Music (vedi News) circola voce dello smembramento definitivo della Chrysalis, un’altra istituzione del music business indipendente inglese. Da indiscrezioni insistenti, sembra infatti che la società sia in procinto di cedere alla Warner Music il suo prezioso catalogo editoriale, forte di successi di artisti come Blondie, David Bowie, Feeder, Gnarls Barkley, David Gray, OutKast, Raconteurs, Velvet Revolver e Yeah Yeah Yeahs. L’offerta della major, sempre secondo fonti ufficiose, si aggirerebbe intorno ai 100 milioni di sterline, 149 milioni di euro.
La Chrysalis, fondata a fine anni ’60 a Londra da Chris Wright e Terry Ellis, si fece inizialmente un nome come etichetta discografica indipendente lanciando artisti del calibro di Jethro Tull, Ten Years After e Procol Harum. Ceduto alla EMI, in due riprese, il pacchetto azionario (a quell’epoca Ellis aveva già liquidato la sua parte), Wright conservò la titolarità delle edizioni musicali e utilizzò il denaro incassato per diversificare l’attività in altri settori, produzioni televisive e radiofonia (terzo network commerciale, in ordine di importanza, del Regno Unito). Anche queste divisioni, tuttavia, sono state successivamente liquidate: con il potente ramo radiofonico del gruppo, ultimo in ordine di tempo, ceduto il mese scorso a un gruppo finanziario in cambio di 170 milioni di sterline, oltre 253 milioni di euro. In Italia le edizioni Chrysalis sono attualmente amministrate dalla Café Concerto di Federico Monti Arduini.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.