NEWS   |   dalla Stampa / 29/11/1998

Morgan, «un ego grosso così»

Morgan, «un ego grosso così»
Marinella Venegoni su "La Stampa" dedica una lunga intervista al cantante, aprendo l’articolo con un ritratto breve e fulminante: «Ventisei anni e un ego grosso così». Racconta il leader dei Bluvertigo: «Il prossimo disco uscirà in aprile; è la prova del nove, e siamo cauti, ma lavoriamo come sempre. Sarà un disco più intimo: non abbiamo più vent’anni, ma alla fine non si cambia più di tanto. Voglio mutare del tutto la strumentazione e il modo di lavorare, ma non i contenuti (...) "Metallo non metallo", uscito due anni fa, ha venduto 80mila copie. Segno che non era allineato coi tempi. Come ascoltatore non sono mai allineato con i tempi, io. Non accetto la mia contemporaneità e questo implica ricerca (...) La musica si evolve, il linguaggio anche: io non ho due lauree, mi sono dedicato alla musica, il mio linguaggio e la preparazione sono nella norma: ma se 5mila persone sotto il palco ai concerti mi dicono che sono l’eretico e l’epicureo, o sono stato utile oppure già lo sapevano». Infine, il "manifesto" politico-musicale: «Se si riesce a entrare e cambiare dall’interno si fa qualcosa di utile: sennò significa solo snobbare: come la musica dei Centri Sociali, che vuol dire protesta. Utile, ma troppo particolare. Bisogna entrare nel sistema, come in certi libri di Orwell: lui direbbe che non serve, io ho una spinta vitale che mi obbliga all’azione. Sarà l’età, o l’ingenuità».
Scheda artista Tour&Concerti
Testi