Belgio, l'ISP Scarlet (ex Tiscali) corresponsabile di file sharing illegale

Per la prima volta in Europa, un tribunale ha ritenuto un Internet Service Provider corresponsabile degli atti di pirateria musicale commessi in rete dai suoi clienti.
Sul caso, che vede fronteggiarsi da tre anni la società degli autori locali Sabam e la filiale belga di Tiscali (ora ribattezzata Scarlet), si è espresso il tribunale di primo grado di Bruxelles: che ha dato ragione alla prima, concedendo all’ISP sei mesi di tempo per implementare una software, fornito da Audible Magic o da altre società, che consente di espellere dalle reti p2p i brani musicali non autorizzati dai detentori dei diritti, bloccandone la circolazione in Rete; ogni giorno di ritardo rispetto ai tempi prefissati costerà a Scarlet 2.500 euro di multa.
Il provider ha cercato vanamente di difendersi, ricorrendo ad argomentazioni che in altre sedi erano state giudicate valide dagli organi giudicanti (la responsabilità di eventuali atti criminosi è esclusivamente di chi li commette; impossibile controllare il comportamento di tutti gli utenti) e invocando il diritto alla privacy dei cittadini. Ma il giudice belga è stato inamovibile, e ora la sua sentenza potrebbe avere ripercussioni importanti in tutta l’Unione Europea: se lo augura l’IFPI, la federazione internazionale dei discografici, che lamenta un mercato illegale della musica on-line, 20 miliardi di canzoni pirata condivise attraverso i servizi di file sharing nel 2006, venti volte superiore a quello del download legale.
Music Biz Cafe, parla Gaetano Blandini (SIAE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.