Comunicato Stampa: 'Release the stars' di Rufus Wainwright in anteprima a Radio1

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

RUFUS WAINWRIGHT “RELEASE THE STARS”

IN ANTEPRIMA ESCLUSIVA
A VILLAGE
DA LUNEDÌ 7 A VENERDÌ 11 MAGGIO 2007
ORE 13,33

Village (Radio1, ore 13,33, condotto da Silvia Boschero) sceglie come album della settimana, in anteprima esclusiva, il nuovo del cantautore americano Rufus Wainwright “Release the stars”.

Registrato a Berlino, il quinto album di Wainwright “Release the stars” (e il primo auto-prodotto) è un disco volutamente barocco, complesso e ambizioso. Testi ironici, drammatici, vividi più che mai e una musica magniloquente sono i suoi punti di forza. Nel disco ospite sua sorella, la cantautrice Martha Wainwright, Neil Tennat dei Pet Shop Boys, la London Session Orchestra (fiati e corde), il cantante Teddy Thompson, il chitarrista di Beck Smokey Hormel, Joan Wasser (aka Joan As Policewoman), ma anche la veterana attrice gallese di teatro Sian Phillips (voce su “Between my legs”). Tra le tematiche non solo le esperienze personali ma anche un’apertura sul sociale come in “Going to a town”.

Rufus Wainwright nasce nel 1973 da due genitori eccellenti: il cantautore Loudon III e la cantante folk Kate McGarrigle (metà delle McGarrigle Sisters) che però divorziano ben presto. Da adolescente dichiara pubblicamente la sua omosessualità e negli anni diventa un punto di riferimento per la comunità artistica gay. Dopo la gavetta nel circuito musicale di Montreal il primo contatto con la discografia arriva grazie al padre, che passa un suo demo a Van Dyke Parks (storico produttore/arrangiatore del giro californiano). E’ così che nel 1998 esce il primo album omonimo seguito tre anni dopo dal bellissimo “Poses”: misto di tradizione folk e pop moderno a cui seguiranno “Want one” e “Want two”. A settembre Wainwright pubblicherà la registrazione del suo spettacolo dedicato a Judy Garland mentre è già al lavoro sulla composizione di un’opera per il Metropolitan di New York dal titolo “Prima donna” che narra un giorno nella vita di una cantante lirica.
Music Biz Cafe, parla Andrea Rosi (Sony Music Italy)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.