Napoli, il patrimonio storico delle edizioni Bideri affidato a una fondazione

Creare ("nel medio periodo") il primo Museo della canzone napoletana, allestire e aggiornare un archivio digitale destinanto a contenere tutti i classici della tradizione musicale partenopea: sono alcune delle missioni istituzionali della neonata Fondazione Bideri, ente no profit che prende il nome da un gruppo editoriale locale di antichissima tradizione (esiste dal 1808). All’impresa di edizioni creata da Fernando Bideri e tuttora amministrata dai suoi eredi nella storica sede di via S.Pietro a Majella, dove un tempo si davano appuntamento compositori come Salvatore Di Giacomo ed Ernesto Murolo, Ferdinando Russo ed E.A. Mario, ma anche letterati come D’Annunzio e Pirandello, Pascoli e Matilde Serao, si deve il lancio dei più grandi classici della canzone napoletana, “O sole mio” e “Torna a Surriento”, “Voce ‘è notte” e “I’ te vurria vasà” (le prime due portate al successo internazionale da Elvis Presley con i titoli di “It’s now or never” e “Surrender”). Di quel prezioso patrimonio, costituito da centinaia di spartiti originali e di testi autografi ma anche da libri, dipinti, fotografie, documenti, strumenti musicali e altri reperti storici è ora depositaria la Fondazione, che organizza mostre, convegni e seminari a tema promuovendo le sue attività anche attraverso un nuovo sito Internet (www.fondazionebideri.it, in italiano e in inglese) e una collana di pubblicazioni discografiche curate da una neonata etichetta, GiBi Records.
Music Biz Cafe, parla Andrea Micciché (NUOVOIMAIE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.