EMI, per comprarla si fanno avanti anche due fondi americani

La casa discografica inglese non vive certo un momento brillante (si vedano i ripetuti “profit warning” emessi in questi mesi) ma vanta pur sempre un catalogo dall’appeal irresistibile (Beatles, Pink Floyd, Robbie Williams, Norah Jones, Coldplay, ecc.). Di conseguenza non mancano i potenziali compratori: dopo Warner Music e One Equity Partners (vedi News), scrive il Sunday Telegraph, si stanno facendo avanti anche due “fondi hedge” statunitensi, Fortress e Cerberus. Secondo il foglio londinese la loro offerta sarebbe inferiore ai 260 pence per azione proposti in marzo da Warner (vedi News) e rifiutati dalla EMI, che del resto aveva respinto al mittente anche una precedente e più sostanziosa offerta della concorrente americana (320 pence per azione). Fortress e Cerberus sarebbero tuttavia convinte della loro possibilità di giocare al ribasso, contando sul fatto che una eventuale fusione tra EMI e Warner correrebbe il rischio di essere bloccata dall’Antitrust.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.