Rough Trade in vendita: presto il passaggio da Sanctuary a Beggars?

Le due più importanti società indipendenti inglesi, stando a voci ancora ufficiose e non confermate dai diretti interessati, sono in trattative per il passaggio del 49 % del capitale Rough Trade, storica indie britannica che ha portato al successo gruppi come Smiths e, più recentemente, Strokes. L’attuale proprietario delle quote, il gruppo Sanctuary, è impegnato come noto in un programma di risanamento finanziario (vedi News), e la partecipazione in Rough Trade rientra nelle voci in perdita (deficit di 2,8 milioni di sterline nell’ultimo bilancio di esercizio) passibili di liquidazione. “Ma anche se attualmente perde denaro”, ha spiegato una fonte anonima informata dei fatti e citata dal settimanale Music Week, “resta pur sempre un marchio forte che nelle mani giuste tornerà ad essere un asset”.
Fondata a fine anni Settanta da Geoff Travis, la Rough Trade è entrata nell’orbita Sanctuary dall’estate del 2001.
Music Biz Cafe, parla Stefano Lionetti (TicketOne)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.