File sharing: solo un terzo dei downloader non ne vuol sapere di pagare

Dati interessanti e non sempre scontati emergono da uno studio sul file sharing presentato venerdì scorso a Roma dall’Osservatorio su Libertà e Comunicazione della Fondazione Luigi Einaudi (vedi News): dalle interviste telefoniche effettuate con 1.600 utenti Internet risulta che nell’ultimo anno solo il 33 % degli italiani “connessi” alla Rete l’ha utilizzata per scaricare musica o film, il 25 % gratuitamente attraverso i network peer-to-peer e il 7 % a pagamento da piattaforme legali (del restante 67 %, oltre il 60 % si dichiara esplicitamente non interessato a farlo). Tra i “downloader” a pagamento la richiesta di musica risulta ben distribuita tra hits del momento (35 %), brani relativamente recenti (usciti cioè negli ultimi sei anni: 34 %) e brani storici (31 %), ma sono pochi (il 16 %) quelli che considerano adeguato il prezzo attuale dei file, 0,99 euro (il 50 % valuta più corretto un prezzo tra i 30-50 centesimi a canzone, il 21 % accetterebbe più volentieri un listino compreso tra 50 e 80 centesimi).
Tra i downloader “free”, invece, il 38 % dichiara di essere teoricamente disposto a sborsare tra i 30 e i 50 centesimi a pezzo (e il 28 % anche di più), mentre uno su tre, il 33 %, non ne vuole proprio sapere di pagare. Nella categoria dei fruitori di musica gratuita prevalgono come risaputo i giovanissimi (il 43 % è di età compresa tra i 15 e i 24 anni) e gli studenti (45 %): il ricorso al file sharing è motivato in primo luogo proprio dall’opportunità di procurarsi musica gratuitamente (45 %), poi dalla comodità della fruizione casalinga (34 %), dalla possibilità di saggiare preventivamente il gradimento dei brani (21 %), dalla ampiezza del repertorio disponibile (19 %), dalla possibilità di trovare in Rete musiche introvabili nei negozi (15 %) e infine dalla possibilità di condividere la musica scaricata con i propri amici (14 %). Motivazioni non solo di carattere economico, come si vede, ma legate anche alla effettiva reperibilità su Internet di molto materiale non disponibile nei negozi e su cd.
Music Biz Cafe, parla Stefano Lionetti (TicketOne)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.