FIMI: 'La banda larga sta condizionando i download legali'

Continuano a crescere (ma non abbastanza da compensare le perdite del mercato tradizionale) i download di musica legale in Italia, + 103 % tra l’ottobre del 2006 e il marzo del 2007 (fonte Soundscan): e questo nonostante il tasso di penetrazione della banda larga nel nostro paese, + 3 % tra il 2005 e il 2006, sia ancora nettamente inferiore alla media europea, + 4,4 %, e ai valori registrati in paesi come Francia e Regno Unito (+ 5,2 %). “E’ evidente che i forti limiti all’espansione della banda larga in Italia stanno penalizzando lo sviluppo del mercato legale” commenta Enzo Mazza, presidente dell’associazione dei discografici FIMI. “Ogni punto percentuale in più di penetrazione di broadband porterebbe ampi benefici anche al download legale che sta conquistando molti consumatori, come è testimoniato dai risultati dello scorso marzo, con quasi mezzo milione di brani venduti in rete in Italia”. “Accanto ad un’offerta legale, ampia e di qualità”, conclude Mazza, “deve però contrapporsi anche una forte tutela legale dei contenuti. E’ importante infatti colpire radicalmente l’offerta di contenuti illeciti, soprattutto condivisi attraverso le reti p2p su larga scala”.
Una ricerca condotta dalla Fondazione Einaudi di Roma conferma infatti un rapporto inversamente proporzionale tra peer-to-peer e acquisti di prodotti musicali (in sintonia con i dati FIMI, che tra il 2001 e il 2006 registrano un crollo delle vendite dei cd da 43 a 26 milioni di pezzi): il 30 % di coloro che scaricano musica da Internet in modo illegale, secondo il suddetto sondaggio, avrebbe ridotto la spesa destinata all’acquisto di cd.
Music Biz Cafe, parla Andrea Micciché (NUOVOIMAIE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.