Jammin' Festival 2007: a Venezia con molte novità

Jammin' Festival 2007: a Venezia con molte novità
E' stato presentato ieri, mercoledì 2 maggio, nell'area del Parco San Giuliano di Mestre (Venezia) la nuova edizione del Jammin' Festival, la prima nella nuova location veneta dopo diversi anni di concerti a Imola (vedi News).
Massimo Venturini (presidente della Municipalità di Mestre), Roberto De Luca (Milano Concerti) e i rappresentanti del Comune di Venezia e dello sponsor principale hanno accompagnato la stampa nei luoghi in cui si terranno i concerti dal 14 al 17 giugno prossimi.
La nuova edizione del festival si estenderà su un'area verde di settantaquattro ettari (a Imola erano circa 10) che offrirà, oltre ai due palchi (il main stage e second stage), diverse attrattive come lo "Sporting Village" e il “Green village” che comprende l'area per il solarium, lo spazio “Community” con computer utilizzabili da tutti e una serie di incontri intitolati “Job in the music” organizzati con il supporto della Event Sound Promotion. A questi si aggiungerà un'area camping (gratuita per gli abbonati ai quattro giorni) che dovrebbe contenere all'incirca cinquecento tende.
Sul Main Stage, rispetto al cast già annunciato precedentemente, si segnala la defezione dei Papa Roach (previsti per il giovedì 14 giugno), e l'ingresso di Fabrizio Moro (recente vincitore della sezione giovani del Festival di Sanremo) e degli esordienti Ubik (da Biella) nell'ultima giornata che avrà come headliner Vasco Rossi. Sempre sul palco principale si esibiranno i quattro vincitori scelti tra i venti finalisti del ”Jammin' Contest”, mentre gli altri sedici si esibiranno sul Second Stage dove, la sera di sabato 16 giugno, i Finley presenteranno in anteprima il loro nuovo album.
Il second stage sarà anche il palcoscenico dei DJ set di Claudio Coccoluto (venerdì 15) e Mauro Picotto (sabato 16) che si terranno dopo la conclusione dei concerti sul Main Stage. Nei prossimi giorni potrebbero essere annunciati i nomi di uno o più artisti che si esibiranno nella giornata di venerdì.
Ad un mese dall'inizio del Festival le prevendite dei biglietti si sono attestate sui quindicimila tagliandi venduti per la prima serata, ventiduemila per la seconda, ventiseimila per la terza e ottantamila per la quarta. Con una tale mole di pubblico in arrivo gli organizzatori e i rappresentanti del Comune di Venezia hanno illustrato tutte le iniziative legate all'abbattimento del traffico e alla conservazione dell'ecosistema.
Per il problemi logistici l'organizzazione avrà a disposizione, oltre a navette e treni speciali, anche una serie di parcheggi divisi tra quelli sempre aperti e quelli che verranno resi disponibili a seconda delle esigenze. Ma lo scopo principale, secondo quanto spiegato da Venturini, è quello di creare una valida alternativa allo spostamento in automobile.
Dal lato ambientale l'organizzazione ha tenuto a precisare che il Parco San Giuliano (il più grande parco urbano sull'acqua in Europa) non è un SIC (Sito di Importanza Comunitaria), ma, nonostante ciò, nel contratto stipulato con Milano Concerti, è prevista la riparazione dei danni provocati dal pubblico e un limite massimo di persone che potranno entrare nell'area durante le quattro giornate.
Inoltre saranno installate delle strutture fonoassorbenti per ridurre il rumore soprattutto verso le abitazioni (le più vicine si trovano a 2 km di distanza) e il canile comunale nelle vicinanze.
Tra le iniziative più originali in preparazione si segnala il contratto stipulato con la società inglese Navspy (www.navspy.com/) che permetterà ai possessori di cellulari GPRS di orientarsi non solo nell'area del parco ma anche nel territorio cittadino circostante. Le istruzioni saranno presto disponibili sul nuovo sito www.festival.venezia.it. Sempre dal punto di vista della tecnologia tutta l'area del parco sarà coperta dal segnale wi-fi che rimarrà anche dopo la fine del Festival. Tra le altre sorprese ci saranno anche delle speciali cartoline con annullo postale da collezionare.
Il sindaco di Venezia, Massimo Cacciari, ha partecipato alla visita guidata dell'impianto sottolineando come, questo evento, favorisca lo sviluppo dell'area del mestrino, e ha consigliato agli spettatori del Festival di non fare una gita a Venezia in quei giorni o, almeno, di evitare le classiche mete turistiche.
Dall'archivio di Rockol - Le prove del tour negli stadi a Rockisland: la videointervista
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
13 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.