EMI, a Roger Ames la responsabilità del Nord America

EMI, a Roger Ames la responsabilità del Nord America
Mossa annunciata, dai tempi del licenziamento in tronco di Alain Levy e David Munns avvenuto nel gennaio scorso (vedi News): la EMI affida a Roger Ames la responsabilità delle operazioni in Nord America (Canada e Stati Uniti), con doppia sede a New York e Los Angeles e alle dirette dipendenze dell’amministratore delegato Eric Nicoli. Ad Ames, che dal marzo del 2005 lavorava già come consulente per conto della società inglese, riporterà tra gli altri Jason Flom, capo del Capitol Music Group e sua vecchia conoscenza dai tempi in cui entrambi erano alla Warner. Al vertice della struttura internazionale del gruppo, il manager originario di Trinidad affianca Tony Wadsworth, responsabile di EMI UK, e JF Cecillon, responsabile internazionale (Europa continentale, Asia e America Latina).
Ames, considerato uno degli ultimi “music men” in forze all’industria discografica, ha iniziato la sua prestigiosa carriera proprio alla EMI (inglese) nel 1975, passando all’ufficio artistico della Phonogram (PolyGram) nel 1979 e alla London Records nel 1983, diventandone in seguito managing director. Nel 1993 divenne presidente e ad della PolyGram UK, e tra il 1996 e il ’98 è stato presidente del PolyGram Music Group. Nell’ottobre del 1999 assunse il comando della Warner Music, coordinando anche un tentativo fallito di fusione con la stessa EMI (vedi News). Rimase in carica per oltre quattro anni, fino a quando (nel marzo del 2004) la proprietà della major passò a un gruppo di investitori guidato da Edgar Bronfman Jr. (vedi News). E’ stato anche uno dei primi discografici a credere nelle potenzialità della musica digitale e a chiudere contratti di licenza con il negozio digitale iTunes Music Store.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.