Azionista Warner: 'Ancora interessati a EMI, ma preoccupati'

Scott Sperling, co-presidente della finanziaria, Thomas H. Lee Partners, che detiene il 37,2 % della casa discografica Warner Music, ha confermato pubblicamente, intervenendo a un summit organizzato da Reuters a New York, che una proposta di acquisto rivolta alla EMI da parte della major americana “ha ancora senso”. Tuttavia, ha aggiunto, “vogliamo essere molto realistici rispetto a quello che compreremmo e che potremmo fare con la società, dal momento che il suo livello base di profittabilità e le sue prospettive di crescita stanno diventando sempre più problematiche”. EMI, come noto, ha recentemente rifiutato un’offerta di acquisto che valutava le sue azioni a 260 pence, ritenendola inadeguata. Solo l’anno scorso, l’offerta di Warner era stata molto più elevata, 320 pence ad azione: ma quel prezzo, ha spiegato Sperling, “è chiaramente molto lontano da quanto saremmo disposti a pagare oggi”. “EMI”, ha aggiunto, “ha annunciato ultimamente una serie di risultati insoddisfacenti e non vediamo come le cose possano cambiare da un momento all’altro. La domanda di musica continua a crescere, ma il problema è capire se i consumatori la vorranno pagare o rubare”. Tuttavia, Thomas H. Lee Partners (che ha avuto un ruolo importante nel “takeover” della holding mediatica VNU, ora Nielsen Group, oltre che in quello di Warner) è convinta che un matrimonio con EMI possa ancora portare i suoi frutti. Fondendo le due imprese, sostiene Sperling, “quel che si otterrebbe è una società in grado di eliminare alcune duplicazioni, soprattutto per quanto riguarda i costi di distribuzione fisica dei prodotti, e questo produrrebbe un forte incremento di valore per gli azionisti di entrambe”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.