Comunicato Stampa: Jethro Tull alla Fiera della Musica di Azzano Decimo (PN)

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.


IL COMUNE DI AZZANO DECIMO
Regione Friuli Venezia Giulia
Provincia di Pordenone
sotto l'alto patrocinio del Ministero dei Beni Culturali

in collaborazione con

Virus Concerti

presenta

VENERDI' 29 GIUGNO 2007
JETHRO TULL in concerto

FIERA DELLA MUSICA - AZZANO DECIMO (PN)

Sarà lo storico gruppo inglese a calcare il palcoscenico della Fiera della Musica 2007 venerdì 29 giugno.
Dopo la pubblicazione della raccolta "Best of acoustic Jethro Tull", uscito a marzo, la band del flautista scozzese Ian Anderson darà inizio ad un tour che toccherà le principali manifestazioni europee, portando sulla scena la consolidata formula sonora, tra progressive, folk e hard-rock

BIO

Gli inizi
Inizialmente la band, capitanata sia da Ian Anderson che dal chitarrista Mick Abrahams, era sostanzialmente orientata verso il blues. Il loro primo album, "This Was", mette in fila una serie di brani rock-blues tra cui spicca "Song for Jeffrey".
Nel gruppo si apre subito una discussione sulla direzione da prendere: vince Ian Anderson e Mick Abrahams esce dalla formazione andando a fondare i Blodwyn Pig con cui continua la propria strada nel british blues.
I Tull si incamminano lungo un percorso che flirta contemporaneamente con quattro stilemi che, con equilibri diversi nelle varie fasi della loro lunga vita, si possono individuare nella musica folk, nella musica jazz, nella musica classica, e ancora il blues, che resta comunque negli ingredienti della loro produzione.In quel periodo milito' nella formazione per un breve periodo anche Tommy Iommi, chitarrista dei Black Sabbath

Stand Up, del 1969, è il primo vero successo di Anderson e compagni. Passa alla storia soprattutto per la rivisitazione di una Bourèe di J.S. Bach (dalla Suite per liuto n° 1 BWV 996). Ma nel disco si ritrovano anche brani che riprendono le altre matrici A new day Yesterday (Blues) Jeffrey goes to Leicester Square (folk) e le ballate We used to know (ripresa nella progressione armonica anni dopo dagli Eagles per Hotel California) e Reasons for waiting.
Ma la chiave del successo è, oltre all'ormai definito stile jethro nel suono del flauto e nella personalità di Ian Anderson.
L'ingresso a pieno titolo del flauto nel rock è merito soprattutto dei Jethro Tull anche se è da ricordare qualche sprazzo dei Focus e di altri gruppi dell'epoca.
Dal vivo il flauto di Anderson oltre che strumento musicale diventa una vera appendice del corpo del leader che con movenze da serpente o da demone ipnotizza gli spettatori e li ammalia con la sua voce da imbonitore o da caldo narratore.
Ad un anno di distanza da Stand Up viene pubblicato Benefit nel quale il blues viene progressivamente allontanato in favore di sonorità tendenti sempre più al folk e al jazz. All'indomani dell'uscita di Benefit i Tull vanno incontro ad un allargamento della formazione e John Evan apporta un decisivo impulso verso sonorità classiche. La notorietà consolidata, l'esperienza e la bravura tecnica dei componenti consentono ai Tull di sperimentare forme musicali dilatate spesso in forma di improvvisazioni a cavallo del jazz e della classica.

In the Beginning Man created God...
Della capacità strumentale e improvvisativa si ascolta riprova nella facciata live contenuta nel doppio (antologia con inediti) Living in the Past. Avendo un po' deluso le attese con il precedente Benefit, l'uscita di Aqualung colse quasi di sorpresa pubblico e critica nel 1971.

A tutt'oggi Aqualung è un po' la "signature song" della band.

Nel disco tornano atmosfere blues e fortemente rock ad alternarsi con episodi delicati ma mai sdolcinati o leziosi. In più, i testi, che compongono un vero e proprio concept, contengono una critica corrosiva alla società ed alle istituzioni e danno un ulteriore contributo a fare di Aqualung il disco più famoso dei Jethro Tull. La fama di Ian Anderson e compagni raggiunge ormai livelli stratosferici e i Tull diventano vere e proprie superstar. Con Thick as a Brick ritentano la carta del concept album. Qui addirittura tutta la musica è unita in una sola grande suite, separata solo dal necessario cambio di facciata del disco. Ottima prova, forse un po' troppo pretenziosa ma di grandissimo impatto e valore musicale. Dopo Thick as a Brick comincia un periodo nero. Il successivo A Passion Play viene accolto malissimo, la critica ed il pubblico non entrano in sintonia con il disco e addirittura, vuoi per gli atteggiamenti divistici vuoi per la smodata ambizione connessa al progetto, entra quasi in rotta di collisione con la band.


Le cronache dell'epoca raccontano di concerti durante i quali il pubblico lanciava dischi rotti contro il gruppo.
Non fu un successo nemmeno War Child, passato quasi inosservato e solo in questi ultimi tempi timidamente rivalutato da parte di certa critica.

I Jethro Tull rialzano la testa con Minstrel in the Gallery che, con mal dissimulato stupore, riceve anche recensioni positive.

Too Old to Rock 'n' Roll: Too Young to Die! è forse il loro vero e proprio epitaffio; la storia di Ray Lomas, narrata nel bel fumetto della cover e nei testi dell'album, propone una visione nostalgica e solo marginalmente ottimistica della vita di una generazione invecchiata fra musica e motociclette e ormai troppo vecchia per il R&R ma troppo giovane per morire. Con Songs from the Wood tra i Jethro Tull, la critica e il pubblico, torna il sereno. Un album semplice ma pieno di ottimi brani, diretti e non involuti in pretenziosi concetti inaccessibili ai più. Sgombrato il campo dalle pretese di grandeur, tornati con i piedi per terra, si scopre che ci sono belle canzoni da suonare e i Jethro Tull riprendono il loro cammino. Non sono più i "giovani leoni" di Stand Up, ma la band ormai non ha nulla da chiedere o pretendere in termini di sperimentazione o improvvisazione: Jethro Tull è un classico, ne ha coscienza, e decide di comportarsi di conseguenza, senza tradire mai i propri fans e senza mai (o quasi) deviare da una strada affidabile.



Negli anni ottanta, trovano un po' più spazio sonorità hard (come in Rock Island) e non mancano nemmeno prove contaminate dall'elettronica. Ma la sostanza non cambia più e da allora sino ad oggi i Tull sono una band classica, di successo (non più planetario e dirompente, ma costante) che sforna nuovi dischi molto parsimoniosamente, l'ultimo lavoro con nuovo materiale originale è del 2003 ed i fans possono trovarvi rimembranze del suono che li stregò tanti anni addietro. Proprio come nella favola del pifferaio di Hamelin.
Da ricordare infine che i Tull, al crocevia con così diverse componenti musicali hanno anche finito per fondare una specie di alleanza con altre formazioni folk rock inglesi quali ad esempio i Fairport Convention con cui per lunghi tratti hanno avuto in comune Dave Pegg (Peggy per gli amici) al basso.

Per info:
www.fieradellamusica.it
info@virusconcerti.it
tel: 0434-29001
0434-636721
0434-636754
fax: 0434-640182 / 0434-636754
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.