Comunicato Stampa: 'Fireworks' di Alberto Nacci a 'Suoni e visioni'

Comunicato Stampa: 'Fireworks' di Alberto Nacci a 'Suoni e visioni'
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Lunedì 2 aprile allo Spazio Oberdan, per la rassegna “SUONI e VISIONI”: “Fireworks”, performance multimediale di Alberto Nacci.
A seguire proiezioni di video live di Anthony Braxton e William Parker.

Lunedì 2 aprile dalle ore 21.00 allo Spazio Oberdan, Viale Vittorio Veneto 2: Alberto Nacci in “Fireworks”, performance multimediale per impianti industriali e sassofono solista. A seguire proiezione di video live di Anthony Braxton e William Parker. La serata rientra nella rassegna “SUONI e VISIONI”, organizzata da Provincia di Milano/Settore cultura.
Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Credits “Fireworks”: Alberto Nacci, sax contralto e tenore, ideazione e direzione, riprese audio e video degli impianti industriali, montaggio e musiche; Dario Guerini, immagini fotografiche; Studio UV, riprese video “live performance”; AJP Studio, post-produzione.
Serata in collaborazione con Fondazione Cineteca Italiana.

Un progetto realizzato a partire dalle immagini girate da Alberto Nacci (nato Trapani nel 1957 ma residente a Bergamo) all'interno delle acciaierie Tenaris Dalmine, specializzate nella produzione di tubi in acciaio. “Fireworks” è opera multimediale che alle riprese dei processi industriali sovrappone le composizioni per sassofono solista dello stesso Nacci, vero musicista-regista, da sempre impegnato in esprimenti di sonorizzazione di progetti multimediali. Sullo sfondo della proiezione del film (suddiviso in in 4 parti: fuoco, acqua, terra, aria), Nacci esegue dal vivo le parti musicali solistiche con i suoi sassofoni (contralto e tenore): i suoni dei macchinari e degli impianti diventano "strumenti sonori" all'interno della partitura musicale da lui composta sulle tonalità, i “tessuti timbrici”, i ritmi e le suggestioni sonore e visive vissute nei numerosi reportages all’interno della fabbrica. I suoni “concreti” interagiscono con la musica creando “paesaggi sonori” sorprendenti, in cui é talvolta impossibile distinguere gli uni dagli altri.
Fireworks ha vinto il Primo Premio del Digifestival -Total Art Festival –FI (sezione musica), è stato proiettato (fuori concorso) all’Open Cinema Festival di San Pietroburgo, in cartellone nella X edizione del Festival del Ticino (VA), proposto nell’ambito dell’evento internazionale “Generative Art Conference” (Politecnico di Milano) e recentemente nell’evento “After Urban” presso l’Università della Pennsylvania in Philadelphia, PA - USA.
Nacci dispone di un curriculum probante, sia come solista, sia per quanto concerne le collaborazioni (Fresu, Rava, D'Andrea, Gaslini, Pierre Favre), sia per una serie di progetti a proprio nome, dove ha tentato l'interazione con l'arte contemporanea ("The Path of Water", "Visioni - 3 opere sonore", la collana di opere di videoarte "Suoni d'Artista"), con il teatro ("La Via dell'Acqua", "Travolti", "Lighea") con la danza contemporanea ("The Moving Sound", "Canali", "Huis Clos").
Ulteriori informazioni su internet: www.albertonacci.it

Alla solitudine multimediale di Nacci fa seguito la proiezione di rari video di esibizioni live dei tardi Anni Ottanta di Anthony Braxton e William Parker, che hanno inaugurato la rassegna in trio con Hamid Drake il 15 marzo scorso al Blue Note.

Informazioni al pubblico: Provincia di Milano/Settore cultura, tel. 02.7740.6302/6383/6384 www.provincia.milano.it/cultura
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.