Comunicato Stampa: Al via il Festival Archipel 2007

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

ARCHIPEL FESTIVAL DES MUSIQUES D'AUJOURD'HUI

Ginevra, 23 Marzo – 1° Aprile 2007

SCELSI: AU CENTRE DU SON

Oggi, Venerdì 23 marzo, si inaugura il Festival Archipel 2007 di Ginevra, e a levare il sipario della prestigiosa piattaforma internazionale della musica contemporanea, sarà una vasta sezione dedicata a Giacinto Scelsi, presentando in prima mondiale, tra le altre, opere del compositore mai eseguite prima.
Si parte con la mostra dal titolo O SOM SEM O SOM a cura di Luciano Martinis, che attraverso documenti inediti ricostruisce il percorso biografico del compositore e il concerto monografico che vede interprete il Quartetto d’archi di Torino. Un omaggio a Scelsi che il Festival Archipel rende per la prima volta in assoluto. Un percorso progettuale che nei propri intenti programmatici vuole proporre le punte di diamante dell’attività creativa di uno dei musicisti più rivoluzionari e controversi del ‘900. Opere che sono emblema e si pongono come summa dei diversi processi, di precise fasi di sperimentazione delle forme e dei linguaggi musicali utilizzati da Scelsi. In tale quadro di riferimento, infatti, il concerto di inaugurazione del festival presenterà, tra le altre pagine, Preghiera per un’ombra e Maknongan, entrambe per clarinetto, interpretate da Ernesto Molinari, lavori in cui Scelsi porta alle estreme conseguenze il suo pensiero e la sua ricerca sul suono, per trarre dagli strumenti infinite possibilità linguistiche, sonore ed espressive.
Stessa finalità avrà il concerto del 24 marzo interpretato dall’Ensemble Contrechamps diretto da Jurjen Hempel che impagina alcuni tra i capolavori da camera di Scelsi come Yamaon, Okanagon, Kya, I Presagi e Pranam II, lavori nei quali la musica diventa evocatrice di antichi riti, dove le fluttuazioni melodiche, le ‘premeditate’ tecniche incantatorie si accostano a un nuova concezione del ritmo, di quei ritmi che Scelsi stesso definisce nelle sue annotazioni “originati dal dinamismo vitale”.
Il concerto del 25 marzo costituisce senza dubbio una sezione a sé stante, in cui una delle più affermate formazioni corali, il New London Chamber Choir diretto da James Wood, proporrà un programma interamente dedicato alla produzione di opere corali scelsiane presentando il ciclo integrale Sauh I-IV, Tre canti sacri, Tre canti popolari e Three Latin Prayers. Come è noto, la musica corale costituisce un settore essenziale in tutto l’iter artistico del nostro compositore, una sorta di capitolo-chiave. Qui il suo gesto compositivo dimostra una forte unitarietà, sebbene ispirato da fonti tra le più varie che vanno dal buddismo zen ai riti bizantini. E la sua musica corale porta l’imprinting di tradizioni diverse, di epoche lontane e vicine, reinventate con un linguaggio assolutamente originale e autentico.

Ma la vera preziosità di questo grande affresco scelsiano promosso dal Festival Archipel la si potrà ritrovare nella esecuzione in prima mondiale di Rotativa (1931) proposta nella versione per due pianoforti e 13 percussionisti (Scelsi inizialmente aveva concepito quest’opera come Poema sinfonico per tre pianoforti, ottoni e percussioni) eseguita dall’Ensemble de Percussions du Conservatoire diretti da William Blank. Il recentissimo ritrovamento della composizione è dovuto alla Fondazione Isabella Scelsi che ne ha curato la nuova edizione critica in collaborazione con Sharon Kanach per le Edizioni Salabert.

A corollario di questa ampia retrospettiva sulla figura di Scelsi, Archipel ha organizzato, inoltre, rassegne di film, tavole rotonde, conferenze, nell’intento di scandagliare ulteriormente i meandri più nascosti della personalità umana e musicale di un autore che non finirà mai di sorprendere.

● CALENDARIO DEI CONCERTI DEDICATI A GIACINTO SCELSI

- Venerdì 23 marzo ore 18.00 – Salle communale de Plainpalais
Inaugurazione della Mostra O SOM SEM O SOM

- Venerdì 23 marzo ore 20.00 Maison communale de Plainpalais - Grande Salle Concerto di inaugurazione del Festival
Giacinto Scelsi
Rucke di Guck (1957) per ottavino e oboe
Quatuor n° 3 (1963) per quartetto d’archi
Maknongan (1974) per clarinetto contrabbasso
Preghiera per un' ombra (1954) per clarinetto
Quatuor n° 4 (1964) per quartetto d’archi

Quartetto d’archi di Torino
Natacha Maric flauto
Ernesto Molinari clarinetto
Béatrice Zawodnik oboe
In collaborazione con Federazione Cemat Progetto Sonora

- Sabato 24 Marzo ore 14.00 Théâtre Pitoëff
Colloque Scelsi
Interventi di
Nicola Sani A la recherche du premier Scelsi / Alla ricerca del primo Scelsi
Luciano Martinis La Suisse de Scelsi / La Svizzera di Scelsi
Sharon Kanach Les messages du facteur Scelsi – une question de transmission / I messaggi del “fattorino” Scelsi – una questione di trasmissione

- Sabato 24 marzo ore 20.00 Salle Ansermet
Concert Contrechamps
Giacinto Scelsi
Yamaon (1954-1958)
Yamaon prophétise au peuple la conquête et la destruction de la ville d'Ur, per voce di basso e cinque strumenti
Tre pezzi per sassofono (1956) per sassofono soprano o tenore
I Presagi (1958) per 10 strumenti
Kya (1959) per clarinetto e sette strumenti
Okanagon (1968) per arpa, contrabbasso amplificato e tam-tam
Pranam II (1973) per nove strumenti
Rucke di Guck (1957) per oboe e ottavino

Franck Wörner bass-bariton
Pierre-Stéphane Meugé sassofono
René Meyer clarinetto

Ensemble Contrechamps
Jurjen Hempel direttore

- Domenica 25 marzo ore 11.00 Théâtre Pitoëff
Colloque & Film Scelsi
Interventi di
Alessandra Carlotta Pellegrini Rotativa, début de Scelsi sur la scène internationale / Rotativa, debutto di Scelsi sulla scena internazionale
Pierre-Albert Castanet G. Scelsi ou l’idée spirituelle du souffle primordial / G. Scelsi o l’idea spirituale del soffio primordiale
Fred van der Kooij Casa Scelsi (1994) Viaggio filmato all’interno del suono, docu-drama sul poeta surrealista, filosofo e compositore Giacinto Scelsi

- Domenica 25 marzo ore 15.00 - Maison communale de Plainpalais - Grande Salle Récital Arne Deforce
Giacinto Scelsi
Trilogia - I tre stadi dell’uomo, per violoncello solo
Triphon (1956) (Jeunesse-Energie-Drame)
Dithome (1957) (Maturité-Énergie-Pensée)
Ygghur (1965) (Vieillesse-Souvenirs-Catharsis-Libération)

Arne Deforce violoncello

- Domenica 25 marzo ore 17.00 - Maison communale de Plainpalais - Grande Salle Concert New London Chamber Choir

Giacinto Scelsi

Yliam (1964) per coro femminile
Tre Canti popolari (1958) per quattro voci miste o multipli
Tre Canti sacri (1958) per otto voci miste
Three Latin Prayers (1970) per coro all’unisono
Sauh I (1973) liturgia per due voci femminili
Sauh II (1973) liturgia per due voci femminili
Sauh III (1973) per quattro voci femminili o multipli
Sauh IV (1973) per quattro voci femminili o multipli

New London Chamber Choir
James Wood direttore

- Domenica 1 aprile ore 16.00 Maison communale de Plainpalais - Grande Salle Naissance de l'orchestre à percussions
Giacinto Scelsi
Riti: I funerali d'Achille (1962) per quartetto di percussioni
Rotativa (1931 rév. 1940)
Prima esecuzione mondiale della versione per due pianoforti e 13 percussionisti

Ensemble de Percussions du Conservatoire
William Blank direttore
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Stefano Lionetti (TicketOne)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.