Addio alla Sony, i Primal Scream tornano 'indie'

Addio alla Sony, i Primal Scream tornano 'indie'
La band di Bobby Gillespie riscopre (e non è l'unica, di questi tempi) le sue radici indie firmando con la londinese B-Unique, l'etichetta che ha lanciato anche i Kaiser Chiefs. Poiché il marchio è affiliato a Universal, tuttavia, i rocker scozzesi resteranno legati almeno indirettamente al circuito major. Cresciuti artisticamente alla Creation (che nel 1991 pubblicò il loro disco più famoso, "Screamadelica"), i Primal Scream erano passati in dote alla Columbia quando, nel 1999, Alan McGee vendette la sua etichetta alla Sony.

"Sono una delle migliori band britanniche di tutti i tempi, un gruppo leggendario che sta raggiungendo un nuovo picco creativo" ha commentato entusiasta Martin Toher, condirettore della B-Unique: il loro nuovo album, che fa seguito a "Riot city blues" del 2006, è atteso per i primi mesi del 2008.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.